ROMA-MILAN/ Allegri: Non giocheremo per il pari

- La Redazione

A Roma si vedrà un Milan d’attacco, che non giocherà per il pari, ha promesso Allegri. Con un solo punto però i rossoneri possono già festeggiare lo scudetto, che sarebbe il 18esimo.

massimiliano_allegri_r400
Massimiliano Allegri (foto Ansa)

Conquistando anche un solo punto, il Milan, domani sera all’Olimpico, può laurearsi campione d’Italia per la 18esima volta. Un traguardo importantissimo, Roma permettendo, però. I giallorossi sono a caccia di punti-Champions e non faranno sconti. Massimiliano Allegri si mostra comunque tranquillo nella conferenza stampa della vigilia: “Saremo tutti perchè per noi potrebbe essere una giornata importante. Domani sarà una partita molto difficile – ha spiegato il tecnico rossonero – perchè loro hanno un’occasione importante per centrare i preliminari di Champions e la sconfitta della Lazio di lunedì gli ha dato la possibilità di vedere il traguardo molto vicino. Sarà una squadra carica che farà una partita importante. Le assenza di De Rossi e Perrotta? I sostituti saranno all’altezza e questo è un periodo in cui contano le motivazioni e sia noi che loro ne abbiamo molte”.

Prima il campionato, poi si penserà alla Coppa Italia ed alla semifinale di ritorno col Palermo: “Le scelte di domani saranno fatte tenendo in considerazione anche la partita di martedì che per noi è fondamentale, ma questo non significa che non saremo concentrati al massimo – rimarca Allegri – Gattuso? Sta bene ma non so ancora se giocherà”.

Una cosa è sicura: “Non giocheremo per il pari, anche perchè loro proveranno a vincerla e noi dobbiamo scendere in campo con la giusta cattiveria, non pensando che il punto che ci manca possiamo farlo anche in casa contro il Cagliari”.

Allegri esprime certezze anche sul futuro di Ibrahimovic: “Ha fatto benissimo per sei mesi poi ha avuto un calo ma la sua stagione è stata importante. Rimane al Milan? E perchè non dovrebbe?”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori