CALCIOMERCATO/ Milan, Cassano e Paloschi verso l’addio, colpa di El Shaarawy

- La Redazione

Massimiliano Allegri è sicuramente rimasto contento dell’arrivo di un grande talento come Stephan El Shaarawy, trequartista italo-egiziano di proprietà del Genoa.

cassano_milan_R400_5feb11
Antonio Cassano, fantasista Milan (Foto Ansa)

Massimiliano Allegri è sicuramente rimasto contento dell’arrivo di un grande talento come Stephan El Shaarawy, trequartista italo-egiziano di proprietà del Genoa arrivato a Milanello in comproprietà. Ma in cuor suo il tecnico del Milan ha anche pensato ai tanti attaccanti presenti in rosa. Dal 12 luglio, inizio del raduno a Milanello, l’allenatore toscano valuterà i giocatori adatti per la prossima stagione. Non più tardi di una settimana fa si parlava di un Allegri disposto ad allenare massimo 25 giocatori, ovvero quelli da presentare nella lista Uefa. In attacco il Milan ha Ibrahimovic, Pato, Robinho, Inzaghi, Cassano, Paloschi e l’ultimo arrivato El Shaarawy, sicuramente una flotta niente male ma difficile da tenere per tutta la stagione. Cinque sono i calciatori in attacco che vuole Allegri. I primi quattro sembrano intoccabili, Ibrahimovic e Pato è la coppia titolare, Robinho ha dimostrato di essere un grande giocatore e Inzaghi, se recupererà bene dall’infortunio ai legamenti del ginocchio, sarà importante soprattutto in Champions League. Molto dipenderà dalle qualità di El Shaarawy, se l’italo-egiziano confermerà le doti viste a Padova, allora Allegri lo farà rimanere a Milanello altrimenti potrebbe anche essere ceduto in prestito magari al Genoa. Di certo Antonio Cassano non avrà digerito bene l’acquisto di un altro giocatore offensivo. FantAntonio potrebbe andare via, una voce che nei corridoi di Milanello è molto calda. Cassano non vuole perdere il posto per gli Europei del 2012 per questo potrebbe anche accettare l’offerta della Fiorentina a meno che da Napoli non arrivino proposte interessanti. Il suo procuratore, l’avvocato Bozzo, è già all’opera per avviare alcuni contatti. Oltre a Cassano anche il giovane Paloschi dovrebbe andare via. Quest’ultimo è tornato dal Genoa dove era in comproprietà grazie all’affare Boateng. Paloschi, che piace molto alla dirigenza rossonera, ha diverse richieste da squadra di Serie A e Serie B. Sicuramente sarà il primo partire anche se la sua cessione dovrebbe slittare dopo il 6 agosto, ovvero dopo la Supercoppa Italiana contro il Milan. Quel giorno infatti potrebbe mancare Pato, alle prese con la Coppa America con la maglia del Brasile.

Qualora la formazione di Menezes dovesse arrivare in finale allora il Milan potrebbe perdere non solo Pato ma anche Thiago Silva. Per questo Galliani ha deciso di rinviare ogni discorso legato alle cessioni dopo la Supercoppa Italiana



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori