CALCIOMERCATO/ Milan, Galliani e Preziosi a cena: Emanuelson per Constant?

E mentre tutti ancora parlano di Keita o Montolivo per il centrocampo del Milan, il calciomercato rossonero in questi minuti potrebbe vivere il suo momento di accelerata finale

30.08.2011 - La Redazione
adriano_galliani_viso_R400
L'ad del Milan Galliani (foto ANSA)

E mentre tutti ancora parlano di Keita o Montolivo per il centrocampo del Milan, il calciomercato rossonero in questi minuti potrebbe vivere il suo momento di accelerata finale. Kakà pare definitivamente sfumato (c’è stata qualche telefonata di cortesia ma quello che si legge sulla stampa iberica è che saluti definitivamente il Milan e sia deciso a mettere in difficoltà Mou a suon di prestazioni sontuose), e allora non in Spagna, ma in Italia, zona stazione Centrale, in una sala del Ristorante “Da Giannino” questa accelerazione potrebbe arrivare. Come è oramai noto a tutti gli addetti ai lavori c’è stata una cena tra gli uomini mercato di Milan e Genoa. Tanto il mistero attorno alla tavolata, Galliani e Braida da una parte, Preziosi e Capozzucca dall’altra. Sul piatto, è proprio il caso di dirlo, tante ipotesi. Opzioni che vengono firmate, tenute segrete e forse un ennesimo scherzo di dubbio gusto in stile Mister X. Ma andiamo con ordine e mettiamo in fila alcuni fatti. A due giorni scarsi dalla fine del calcioemrcato due delle società potenzialmente più attive, ma in “stasi”, bloccate da una serie di situazioni che l’attenzione ai budget ha fatto diventare determinanti. Per ora. Le ipotesi che si sono fatte, subito smentite dagli stessi addetti ai lavori parlavano dapprima di uno pour parler di uno cambio Cassano-Palacio, ma la pista è sembrata da subito poco credibile. Più avanti in serata Sky ha riferito di un misterioso foglio firmato da Galliani e Preziosi e delle dichiarazioni sibilline del presidente del Genoa “Scoprirete a Gennaio cosa abbiamo firmato”. Anche questa però è una falsa pista, come non manca di notare il noto esperto di calciomercato Gianluca Di Marzio che parla di una “firma per scherzo” addirittura a favor di telefonino. E se il mistero rimane, quindi, rimangono anche i fatti. Il Milan è costretto a cercare un centrocampista per coprire l’assenza di Mathieu Flamini, che resterà fuori per il brutto infortunio al ginocchio, ma se Allegri e Galliani vorranno davvero essere competitivi su tutti i fronti quest’anno avranno anche bisogno di migliorare la rosa, a prescindere dal discorso numerico, puntando sull’eccellenza in tutti i reparti. La filosofia del Milan dello scorso anno, rivelatasi vincente, è di puntare forte su entrambe le finestre di mercato, quella regina di Agosto, come quella di Gennaio. E in questo senso potrebbe essersi svolto l’incotnro di ieri. Una delle ipotesi ragionevoli è che sul piatto ci fossero Emanuelson, da un lato, e Kevin Costant dall’altro. Quasi una prova d’appello per Emanuleson, apprezzato per molte delle sue qualità, deve per sua stessa ammissione lavorare sul carattere. Un ottimo giocatore da cui si chiede un salto a livello mentale per entrare di prepotenza nel centrocampo rossonero in cui si è aperto più di un pertugio. Ma il Milan non può affidarsi al caso e se Emanuelson dovesse fallire l’obiettivo allora l’alternativa è pronta. E sarebbe Kevin Costant. Lo scorso anno il Milan dovette desistere dall’acquistarlo per via del regolamento Fifa che impediva al giocatore di cambiare tre maglie nella stessa stagione. Il Milan abbozzò e alla riapertura del calciomercato vista la situazione a centrocampo l’appeal era decisamente calato. Anche perché Preziosi è stato in grado di piazzare una veloce zampata sorprendendo i più.

D’altronde Emanuelson non si merita affatto una bocciatura netta, ma uno stimolo in più a tirare fuori quel qualcosa a livello di carattere sì. Ecco allora la trovata: fiducia a tempo fino a Gennaio per giocare al massimo le proprie carte. Poi, dovesse fallire, scambio con Constant fino a fine stagione. I reciproci ipotetici diritti di riscatto faranno il resto per capire chi è da Milan e chi no. In ogni caso, una grande occasione per tutti. I fatti confermeranno queste ipotesi? C’è solo da attendere.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori