DIRETTA/ Milan-Udinese (0-1 p.t.): segui e commenta la partita live in temporeale

- La Redazione

Milan-Udinese chiude il primo tempo con il risultato di 0-1. Cominciano a popolarsi di fantasmi le menti dei supporters del Milan, fanno festa i giocatori dell’Udinese

Inzaghi_R375_26feb09
Pippo Inzaghi (Foto: ANSA)

Milan-Udinese chiude il primo tempo con il risultato di 0-1. Cominciano a popolarsi di fantasmi le menti dei supporters del Milan, fantasmi che nella fattispecie hanno i colori bianconeri della sempre incredibile Udinese. Ci si aspettavano gol ed emozioni a San Siro tra Milan e Udinese. In realtà a vincere è solo la noia, visto che le due squadre producono nulla, o quasi, per tutti i 45 minuti. Se infatti, per esempio, l’ultima volta i gol furono 8, in un tempo ne vediamo solo uno, più un’altra sola occasione da gol.La partita inizia subito a ritmi blandi, il Milan sembra timoroso di attaccare e mostrare il fianco a una formazione che vive di ripartenze, la quale per contro si limita a chiudersi con nove uomini dietro la linea della palla. La prima “emozione arriva al 10’, quando un cross di Cassano dalla sinistra arriva sulla testa di Pato, che stacca bene e devia fuori di poco dal centro dell’area. Milan che gestisce il possesso palla, finchè questa arriva a Cassano che in qualche modo cerca di dialogare con Pato. Ma è troppo poco, anche perché al 19’ il papero si infortuna, ed è costretto a lasciare il posto ad El Shaarawi. L’Udinese si rinfranca e comincia ad affacciarsi dalle parti di Thiago Silva, ma gli attacchi sono sterili. Serve un’invenzione o una papera per sbloccare la situazione: ci pensa Abbiati, che su un cross debole di Armero la lascia clamorosamente li finche arriva Di Natale e insacca. Ultima emozione il palo di Seedorf su punizione al 41’, poi nient’altro. Speriamo che la ripresi diverta di più, ma lo vedremo presto Milan-Udinese sta per ricominciare…
I voti di Milan-Udinese: il verdetto del primo tempo
, voto 5: niente verticalizzazioni, le assenze pesano tantissimo, ma non possono essere un alibi sufficiente, anche perché lo spirito non è dei migliori.
, voto 5,5: non è certo lo spettacolo dell’anno scorso, anzi. Non produce molto, pensa solo a chiudersi, ed è fortunata ad avere un bomber cinico come Totò Di Natale



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori