AC MILAN/ Berlusconi pensa al ribaltone: su Galliani l’ombra di Biesuz?

- La Redazione

Alcuni organi d’informazione hanno diffuso la notizia secondo cui Berlusconi starebbe pansando alla sostituzione di Galliani per rinnovare la società Milan: intanto l’a.d. chiama i tifosi

galliani_biesuzR400
Adriano Galliani, 68 anni, amministratore delegato del Milan (INFOPHOTO)

Indiscrezioni pesanti gravitano attorno al Milan. Mentre la squadra fatica a raccapezzarsi sul rettangolo di gioco, sembra che Berlusconi stia meditando il ribaltone nell’organigramma societario. Che coinvolegerebbe addirittura Adriano Galliani: secondo quanto riportato nientemeno che dal portale Dagospia, pare che il presidente rossonero voglia insediare al suo posto Giuseppe Biesuz, uomo di fiducia attualmente a capo della gestione del trasporto ferroviario in Lombardia. La notizia per ora non trova conferme o smentite ufficiali ma bisogna aspettare a sottovalutarla. Solo qualche mese fa in pochi avrebbero anche solo immaginato un Milan senza Ibrahimovic e soprattutto Thiago Silva, e abbiamo visto il ribaltone che ci ha riservato l’estate di calciomercato. Anche per questo è possibile che il proprietario del Milan decida di voltare completamente pagina e cambiare aria, sostituendo il suo storico amministratore delegato. Galliani è entrato nella società Milan nel 1986, e ha condiviso ed architettato tutti i successi dell’era Berlusconi: il suo avvicendamento sarebbe davvero una svolta epocale per la storia del club milanese. Dietro l’angolo aspetterà Giuseppe Biesuz, manager svizzero che ha già coperto cariche importanti in aziende come Bialetti e Richard Ginori. Secondo le indiscrezioni Berlusconi starebbe pensando a un cambio della guardia per rivitalizzare l’ambiente rossonero dall’alto e dare alla società un’impronta nuovo. Per il momento restiamo in attesa anche se riesce ancora più difficile immaginare che il presidente possa accantonare di punto in bianco il suo storico collaboratore. Che intanto ha parlato di Milan al Palazzo della Regione Lombardia, dove si trovava per consegnare il premio del CORECOM Lombardia. Galliani ha toccato alcuni argomenti caldi come l’ottimo stato di forma di Stephan El Shaarawy: “E’ difficile paragonarlo a qualcuno, però credo che al Milan un contropiedista così giovane non l’abbiamo mai avuto. Ho insistito molto per portarlo da noi. Ferguson? Spero resti innamorato di El Shaarawy, ma venderlo è impensabile. Vorrei tranquillizzare i tifosi al riguardo visto che gli abbiamo rinnovato da poco il contratto fino al 2017“. Inoltre l’amministratore delegato rossonero ha rivolto ai tifosi un appello in vista del derby: “La vendita libera dei biglietti dice che…

siamo indietro rispetto agli anni scorsi. Faccio un appello ai nostri tifosi: venite allo stadio e colorate San Siro di rossonero“. E a proposito di Inter, Galliani ha dribblato secco la domanda su Cassano: “Non voglio parlare dello scambio Cassano-Pazzini, lo faranno altri“. Tra gli ‘altri’ possiamo includere anche l’agente FIfa Paolo Fabbri, che oggi ha rilasciato un parere sulla discussa operazione di calciomercato (clicca qui per leggere l’intervista esclusiva). Insomma sembra che Galliani resti saldamente al timone, ma il mare attorno a lui è bello mosso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori