CALCIOMERCATO/ Milan, Biscardi: Guardiola arriva solo se Berlusconi… (esclusiva)

- int. Aldo Biscardi

In esclusiva a Ilsussidiario.net, Aldo Biscardi, noto giornalista sportivo, ha parlato del possibile arrivo di Pep Guardiola al Milan. Ecco le parole di Biscardi.

Berlusconi_PodioR439
Silvio Berlusconi

Per Massimiliano Allegri la partita contro il Malaga è molto importante. Aldilà delle rassicurazioni di Galliani che continua a confermare il tecnico toscano, la situazione dell’attuale allenatore del Milan non è buona. I rumors di calciomercato sono sempre più insistenti, si parla addirittura di un esonero dietro l’angolo con Berlusconi che vuole più Allegri. Il diretto interessato ieri durante la presentazione della partita ha dichiarato: “Con Galliani mi sento ogni giorno, mentre Berlusconi non lo sento da una settimana”. Un presagio per qualcuno, anche perché il numero uno rossonero non ha mai particolarmente amato l’allenatore ex Cagliari difeso soprattutto dall’a.d. Galliani. Il Milan ha bisogno di stabilità in questo momento, i rossoneri non vogliono assolutamente perdere punti in Champions League. Intanto per quanto riguarda il futuro si fa il nome di Pep Guardiola, allenatore spagnolo ex Barcellona che si è voluto prendere un anno di pausa. Aldo Biscardi, noto giornalista italiano, in esclusiva a Ilsussidiario.net, ha dichiarato: “Guardiola sarebbe davvero un grande arrivo per il Milan. Io credo che Guardiola possa arrivare a Milano solo se Berlusconi decidesse di ritornare in prima linea come qualche anno fa. In quel caso il presidente rossonero potrebbe davvero dare il via libera a colpi di scena importanti. Ingaggiare Guardiola comporterebbe delle spese importanti, per questo servirebbe un Berlusconi presente e convinto”. Per Biscardi l’operazione Guardiola rilancerebbe il Milan. Anche perché l’ex allenatore del Barcellona sarebbe l’uomo più adatto a riportare il Milan ai vecchi fasti europei. Per Allegri il destino appare segnato: “Non è importante se il tecnico toscano riuscirà a riportare il Milan in alto in questa stagione, Berlusconi ha già deciso di mandarlo via. La conferma è arrivata dallo stesso Allegri che ieri ha rivelato di non ricevere più chiamate da Berlusconi” ha dichiarato Biscardi. Prepariamo quindi a colpi di scena importanti, il Milan non è abituato a mandare via allenatori a stagione in corso. Ma se le cose dovessero continuare in questo modo, ovvero con sconfitte cocenti, allora il Milan potrebbe davvero cambiare l’allenatore. L’alternativa principale per quanto riguarda l’immediato è Tassotti, da 10 anni accanto ai tecnici del Milan nel ruolo di secondo.

Si parla anche di Gattuso che potrebbe liberarsi dal contratto con il Sion e tornare al Milan in altre vesti. Al momento però si tratta solo di rumors di mercato. L’unica cosa certa è che il Milan contro il Malaga cercherà di non perdere per evitare problemi durante il percorso in Champions League.

 

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori