PROBABILI FORMAZIONI/ Zenit San Pietroburgo-Milan: ultime novità (Champions League, gruppo C)

- La Redazione

Le probabili formazioni di Zenit San Pietroburgo-Milan, in programma stasera. Allegri pensa al 4-2-3-1 con Boateng dietro Bojan, Spalletti fa pace con Kerzhakov e presenta il 4-3-3

criscito_zenitR400
Domenico Criscito, 25 anni, difensore dello Zenit San Pietroburgo (INFOPHOTO)

Zenit San Pietroburgo Milan è la partita valida per la seconda giornata del gruppo C della Champions League 2012-2013. Lo Zenit San Pietroburgo ha perso in casa del Malaga per 3-0 nella prima partita, ed è ancora a zero punti. Il Milan invece ha pareggiato a reti bianche con l’Anderlecht e ha un punto nel girone. Zenit-San Pietroburgo-Milan si giocherà allo stadio Petrovskij si San Pietroburgo, l’arbitro sarà il tedesco Felix Brych mentre il calcio d’inizio è previsto per le ore 18 italiane. Vediamo quali sono le probabili formazioni di Zenit San Pietroburgo-Milan.

Modulo offensivo, un 4-3-3, per gli uomini di Spalletti. In campo dal primo minuto Malafeev tra i pali, Anyukov e l’azzurro Criscito sulle fasce, Hubocan e Lombaerts al centro della difesa. In mezzo al campo Shirokov giostrerà da play basso, con Fayzulin sul centrodestra e Zyryanov sul centrosinistra. In avanti tridente Bystrov-Kerzhakov-Hulk. Molto attesa soprattutto la prova dell’attaccante brasiliano, che proverà a ripetere in Russia quanto fatto vedere di buono in questi anni con la maglia del Porto e della Seleçao. “Hulk può essere determinante perchè sa attaccare in modi diversi e giocare da seconda punta o sulle fasce, palla al piede o aspettando l’assist dei compagni. Sono contento di lui” ha dichiarato Spalletti nella conferenza prepartita. Più dubbi sull’impiego dal primo minuto di Axel Witsel, a suo tempo candidato al ruolo di mister X ‘dagli occhi cerulei’ designato da Galliani: “Ha tutte le carte in regola per giocare -ha dichiarato Spalletti-, ma dobbiamo stare attenti con i nuovi acquisti per non metterli sotto pressione“. Curiosità anche per la prestazione dell’ex genoano Mimmo Criscito, che potrebbe cercare di ‘farsi bello’ dinanzi agli occhi di una squadra come il Milan, in passato già accostata al suo nome.

A disposizione Beburin, Bruno Alves, Lukovic, Witsel, Bukharov, Djordjevic e Kanunnikov oltre al belga Witsel.

Assenti Denisov, Danny, Semak e Zhevnov. Soprattutto per i primi due, si può parlare di forfait molto pesanti per l’economia del gioco dello Zenit. Il portoghese Danny, in particolare, assente da mesi per un grave infortunio, è uno di quei giocatori che assicura fantasia e imprevedibilità alla manovra.

 “Forse i miei giocatori non hanno un’intesa simile a quelli dello Zenit, ma siamo in forma. Tecnicamente siamo molto forti e nelle ultime partite abbiamo evidenziato qualche miglioramento. Siamo pronti per giocare ancora meglio“. Così Massimiliano Allegri ha parlato nella conferenza di vigilia. Il tecnico livornese sembra intenzionato a modificare l’ultimo 4-3-3 in un 4-2-3-1 che partirà da Abbiati in porta. Linea difensiva a quattro con Abate e Antonini sugli esterni, e il duo Bonera-Zapata al centro. In mediana De Jong e Montolivo comporanno la cerniera centrale, con il trio Emanuelson-Boateng-El Shaarawy sulla trequarti. Unica punta, a quanto pare, Bojan Krkic e non Pazzini. Il catalano proverà a sfruttare al meglio gli assist dei trequartisti. Vedremo se la posizione di numero 10 classico aiuterà Kevin-Prince Boateng a recuperare lo smalto dei giorni migliori, ultimamente calato anche a causa dell’ingombrante fasciatura post-operazione alla mano.

A disposizione il secondo portiere Amelia, i difensori Mexes e Yepes, i centrocampisti Nocerino e Ambrosini, gli attaccanti Robinho e Bojan. Tante opzioni a disposizione per il tecnico rossonero, che potrà eventualmente cambiare modulo a partita in corso.

Allegri deve fare a meno del solito Pato, fermo per il problema muscolare alla coscia, oltre che dei difensori Acerbi (dolore al ginocchio), De Sciglio e Mesbah. Scelte dunque abbastanza obbligate, per quanto concerne il reparto arretrato.

Malafeev; Anyukov, Hubocan, Lombaerts, Criscito; Fayzulin, Shirokov, Zyryanov; Bystrov, Kerzhakov, Hulk.

A disposizione: Beburin, Bruno Alves, Lukovic, Witsel, Bukharov, Djordjevic, Kanunnikov.

Allenatore: Luciano Spalletti

Squalificati:

Indisponibili: Denisov, Danny, Semak, Zhevnov

Abbiati; Abate, Bonera, Zapata, Antonini; De Jong, Montolivo; Emanuelson, Boateng, El Shaarawy; Pazzini.

A disposizione: Amelia, Mexes, Yepes, Nocerino, Ambrosini, Robinho, Bojan.

Allenatore: Massimiliano Allegri.

Squalificati: –

Indisponibili: Pato, Mesbah, Acerbi, De Sciglio

 

Arbitro: Brych (Germania)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori