CALCIOMERCATO/ Milan, il rinnovo di Yanga-Mbiwa “apre” a Papadopoulos, mentre Balotelli…

- La Redazione

Il Milan vuole Balotelli già a gennaio e l’operazione è resa possibile con l’ingresso in società del magnate cinese Liu Yongzhuo che a dicembre farà visita a Milanello

balotelli_inghilterraR400
Mario Balotelli, 3 gol in questi Europei (Infophoto)

E’ iniziato il mercato invernale in casa Milan. Ieri l’amministratore delegato Adriano Galliani è volato in Spagna dall’amico Florentino Perez, ufficialmente per ragioni commerciali, ma ufficiosamente per sondare con mano qualche possibile ipotesi in vista del prossimo gennaio 2013. Sono infatti notoriamente diversi gli esuberi in casa Real Madrid e su tutti spiccherebbe il trio composto da Raul Abiol, Ricardo Carvalho e soprattutto Ricardo Kakà. Per ora si tratta solo di supposizioni ma è chiaro che se dovessimo scommettere su un madrileno pronto a sbarcare a Milanello punteremmo su uno di questi tre. Un mercato invernale del Milan che nel frattempo dice già addio ad un vecchio obiettivo. Nella serata di ieri ha infatti ufficialmente rinnovato Yanga-Mbiwa, centrale di difesa della nazionale francese e del Montpellier, il cui contratto scadeva al 30 giugno del 2013. Il transalpino esce dai taccuino rossoneri ed al suo posto entra Kyriakos Papadopoulos, centrale di difesa dello Schalke 04 e nazionale greco. Solamente 20enne (li ha compiuti a febbraio), il ragazzo vanta già una carriera di successo. E’ in Germania dal 2010 e con il club di Gelsenkirchen ha già totalizzato 53 presenze e tre reti. Situazione molto simile in Nazionale dove è un punto fermo con 15 presenze e 4 reti. Un calciatore difensivo ma con una vena offensiva derivante dalla sua posizione originaria, nascendo centrocampista fra le fila dell’Olympiacos. Ottimo in marcatura, è bravo anche in fase di impostazione ed è quindi considerato una sorta di “piccolo” Thiago Silva, con i dovuti paragoni. Il ragazzo ha attirato su di se riflettori importanti a suon di grandi prestazioni visto che piace anche alla Juventus. Anche per queste ragioni il suo prezzo non è dei più abbordabili, e dovrebbe assestarsi attorno ai 10 milioni di euro. Galliani comunque lo studia, così come continua a tenere d’occhio Andrea Dossena, 31enne mancino in forza al Napoli che sembra destinato a lasciare il club partenopeo durante la prossima finestra invernale. L’ex Liverpool non è un titolare fisso (chiuso da Zuniga), e di conseguenza starebbe meditando l’addio. Il Milan potrebbe cogliere l’occasione al volo anche perché a breve da Milanello dovrebbero partire Djamel Mesbah e Didac Vila. In attacco la situazione non è meno ingarbugliata: le voci di una possibile entrata di capitali cinesi in società fanno rumore, nonostante le smentite di Berlusconi oggi presente a Milanello (clicca qui per approfondire). Se Liu Youngzhuo dovesse davvero acquisire delle quote della società rossonera, nelle casse del club entrerebbero soldi destinati alla campagna acquisti. In particolare il nome tenuto sotto i radar è quello di Mario Balotelli, ormai non più una novità dal punto di vista dell’interesse del Milan. Roberto Mancini è pronto alla cessione: 

Nei piani futuri del Manchester City c’è uno tra Radamel Falcao e Luis Suarez. Dovesse essere così, SuperMario sarebbe pronto al rientro in Italia, e a giocarsela sarebbero proprio le due società milanesi, con i rossoneri però chiaramente favoriti visto che Balotelli nel 2010 è stato sostanzialmente scaricato dall’Inter, e lo stesso calciatore è intrigato dalla possibilità di giocare per la squadra per cui ha sempre fatto il tifo. La trattativa come detto sarebbe agevolata dall’entrata in società dei capitali cinesi, e se dovesse concretizzarsi la posizione di Giampaolo Pazzininon sarebbe delle più semplici, perchè il centravanti toscano sarebbe chiuso da un nuovo arrivo in attacco. Ci sono due squadre che sarebbero pronte ad acquistarlo: la Sampdoria vorrebbe farlo tornare dopo la felice esperienza culminata con la qualificazione ai preliminari di Champions League, mentre il Palermo ha problemi nel reparto offensivo e può farci un pensierino. Ad ogni modo si vedrà: parlare di trattative concrete è prematuro, ma intanto il Milan tiene monitorata la situazione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori