DIRETTA/ Milan-Juventus live (1-0 p.t., serie A 2012/2013): la partita in temporeale

- La Redazione

Segui e commenta la diretta del secondo tempo di Milan-Juventus: quattordicesima giornata di serie A, partita quest’anno non al vertice ma sempre ricca di fascino come poche altre.

Milan_Juve_prim_tempo
foto Infophoto

Il primo tempo di Milan-Juventus termina sul punteggio di 1-0 per i rossoneri. “Accendi un diavolo in me”, cantava Zucchero: chissà che Berlusconi, negli spogliatoi nel prepartita, non abbia scelto di caricare i suoi con il karaoke. In effetti, se così fosse non sarebbe male, visto che il Milan conclude in vantaggio la prima frazione del big match della 14a giornata, grazie al rigore trasformato dal redivivo Robinho al 31′. Nessuna grande sorpresa tra le formazioni in campo, se non per l’infortunio all’ultimo di Abbiati, sostituito da Amelia. Ma nessuno se ne accorge, perchè in realtà la porta del Milan viene raramente inquadrata: la colpa non è delle telecamere, ma della Juventus, che non si rende mai pericolosa, senza concludere mai in porta, e affidando a Quagliarella qualche timido tirettino che termina sterilmente fuori. Di tutt’altra consistenza l’attacco rossonero, in grande spolvero come spesso capita nelle serate di gala: i diavoli infatti quando attaccano lo fanno con grande furore, mettendo puntualmente in crisi la diofesa bianconera, non a casa già per 2/3 ammonita. a la chiave della gara, finora, sta a centrocampo, visto che i rossoneri, senza pretendere di dominare la gara, mordono ad ogni centimetro i portatori di palla bianconeri, aspettando di ripartire in velocità. La scelta tattica di Allegri è azzeccata, grazie all’ottima interpretazione dei suoi uomini, che mettono cuore e anima ad ogni contrasto. Scialba la partita dei bianconeri, che ticchetticchiano da destra a sinistra senza mai azzardare la giocata, e venendo puntualmente fermati dai milanisti. In una di queste ripartenze, innescata dall’ottimo De Sciglio e portata avanti da Montolivo, il Milan arriva a colpire in area di testa con Nocerino, ma la palla sembra stoppata dal braccio di Isla. Rigore, e Robinho realizza, regalando un brivido agli 80’000 visto che Buffon la prende, per poi farsela scivolare in rete. Gol, vantaggio e stadio che esplode, diventando un Inferno. L’ambiente ideale per i rossoneri, che dovranno stare attenti nella ripresa: peggio di così, la Juve non può in effetti fare…

Intelligente tatticamente, furioso fisicamente, spietato realizzativamente. Finora, la serata perfetta

Stanca, lenta, prevedibile. Insomma, ricorda più il Siena, o l’Ascoli…rivogliamo la vera Juventus!

Con personalità pazzesca esegue il primo tiro della serata, e per poco non fa gol. Blocca una furia della natura come Asamoah

Con le buone, e spesso con le cattive, argina gli attacchi avversari

Difficile da trovare

La Juve li cerca costantemente per avere sbocchi, ma loro puntualmente la deludono con giocate banali e prevedibili

Giovanni Gazzoli

@giogazzoli



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori