CALCIOMERCATO/ Milan, parte l’operazione Balotelli: 9 cessioni per arrivare a Super Mario

- La Redazione

L’ad del Milan, Galliani, intende sfoltire la rosa per arrivare a Balotelli. Pronte nove partenze che permetteranno a via Turati di ottenere l’introito necessario per assicurarsi Super Mario

Balotelli
Mario Balotelli - Infophoto

Entra nel vivo il calciomercato invernale di casa Milan. A esattamente un mese dall’apertura ufficiale della finestra di gennaio, i rossoneri si fanno due conti in tasca e studiano la possibilità di vendere quei giocatori della rosa che sono in esubero e che, tra costo del cartellino e risparimio sull’ingaggio, possono garantire un tesoretto utile per acquistare il giocatore dei sogni: Mario Balotelli. Non è un mistero che sia l’attaccante del Manchester City l’obiettivo numero uno di Berlusconi e Galliani; SuperMario però costa molto (circa 25 milioni di Euro) e siccome i Citizens non accettano l’ipotesi del prestito il Milan deve necessariamente fare cassa. In più va considerato l’ingaggio del calciatore della Nazionale: 6 milioni di euro che, a meno di una riduzione, ne farebbero di gran lunga il calciatore più pagato a Mianello (Pato, Robinho e Mexès si fermano a 4). Dunque, ecco perchè i rossoneri pensano alla smobilitazione. D’accordo la doppia competizione, ma alcuni giocatori non hanno mai visto il campo ed è improbabile pensare che la loro situazione cambierà. Il Milan è comunque convinto che a gennaio si materializzerà la giusta occasione per riportare in Italia l’ex Inter visto che quest’ultimo è ormai in aperta rotta con il club ma soprattutto con Roberto Mancini, l’allenatore dei Citizens. Pronte quindi una serie di partenze in massa, a cominciare dal giovane portere brasiliano Gabriel, l’estremo difensore della selezione olimpica verdeoro, che verrà girato altrove per farsi le ossa. Situazione molto simile per i giovani Valoti, Carmona e Strasser, tutti prodotti del vivaio rossonero che verranno piazzati in qualche club di serie B o in qualche medio-piccola della A. Si tratta di operazioni in prestito a cui andranno aggiunte le cessioni, a cominciare da quella di Didac Vilà. Il giovane spagnolo non è praticamente mai sceso in campo con la casacca rossonera complice un lungo infortunio. Berlusconi vorrebbe vederlo a San Siro ma è chiaro che se arriverà l’offerta giusta a quel punto l’ex Espanyol verrebbe ceduto a titolo definitivo. Con la valigia in mano anche Mesbah, che dopo aver rifiutato Torino e Palermo dirà si alle avances che a lui perverranno (si parla di un’operazione con il Parma in cambio di Biabiany). Addio anche a Traore e Flamini, mai utilizzati in questo inizio di stagione (l’ex Arsenal leggermente di più), mentre è incerto il futuro di Acerbi, che il Milan vorrebbe trattenere ma che non è da escludere possa essere piazzato altrove se si riuscisse ad acquistare un nuovo difensore centrale.

Infine l’attacco con il trio di incerti Pazzini, Pato e Robinho: i tre sono in bilico e potrebbero svestire la casacca del Milan in caso di offerte interessanti. Il primo piace alla Juventus, il secondo a diverse società brasiliane così come il terzo, che sogna il ritorno al Santos.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori