CALCIOMERCATO/ Milan, Balotelli: Mancini lo bacchetta, Raiola media: a gennaio resta al City

- La Redazione

Il nome di Mario Balotelli continua ad essere al centro di intense voci di mercato riguardanti in particolare il Milan. Ecco il punto di vista di Mancini e Raiola su Super Mario

balotelli_city_united_derbyR400
Mario Balotelli, 22 anni, attaccante del Manchester City (INFOPHOTO)

Balotelli e il Milan, un matrimonio che è destinato a farsi ma non a gennaio del 2013. I rossoneri monitorano con costanza la situazione legata al Super Mario Nazionale, che ogni giorno, a Manchester, sembra ai ferri corti con il club. La sensazione circolante però è che un eventuale trasferimento sia rimandato soltanto all’estate del 2013, quando Balotelli avrà chiuso il suo terzo anno lontano dall’Italia, e punterà a tornare in Serie A. Il Milan attualmente non dispone dei soldi necessari per imbastire un’operazione di tale portata, e visti anche i tempi più dilatati, il tutto potrebbe essere posticipato di sei mesi. Uno scenario ipotizzato, seppur in via indiretta, anche dall’agente Mino Raiola, il procuratore di Balotelli, che intervistato dal Corriere dello Sport ha dichiarato: “Mario adesso non si muove perché non ci sono le ragioni per cambiar squadra. Portarlo via da Manchester sarebbe l’opzione più facile. Lui invece resterà al City, anche se questa può sembrare la cosa più complicata”. Secondo Raiola Balotelli deve riprendersi il suo posto in campo e soprattutto riconquistare la fiducia della squadra: “Ha bisogno di un club che creda in lui – conclude – e dal canto suo farà di tutto per meritarsi questa fiducia”. Niente addio imminente quindi, e lo stesso sembra pensarlo anche Roberto Mancini, allenatore ma anche mentore e padre calcistico dell’attaccante della nazionale. Il tecnico jesino del Manchester City ha bacchettato Balotelli, nella recente intervista concessa alla Gazzetta dello Sport, stimolandolo al definitivo salto di qualità dopo i continui sbandamenti degli ultimi tempi. E l’augurio per il 2013 è la speranza che Balotelli faccia come un grande campione del calcio italiano: “A lui chiedo impegno e serietà negli allenamenti, una vita privata più regolare, comportamenti corretti in campo. L’esempio per lui è Totti“. Chissà se Balotelli ascolterà o meno questi consigli, fatto sta che se il ragazzo non tornerà sulla retta via rischia davvero di bruciarsi troppo presto. Appena ventiduenne, ha ancora una lunghissima carriera davanti a se, probabilmente ricca di vittorie e successi. Il 2013 è alle porte, e sarà probabilmente l’anno della svolta per Super Mario.

Fino a giugno resterà sicuramente a Manchester, ma a partire dalla prossima estate, il sogno Milan potrebbe divenire realtà…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori