CALCIOMERCATO/ Milan, futuro incerto per Ibra. Keita osservato speciale

- La Redazione

Nubi sul futuro dell’attaccante svedese in maglia rossonera. Alla società non sta piacendo il nervosismo mostrato nelle ultime uscite. Galliani, intanto, insiste per il mediano…

Ibrahimovic_ChinoR400
Zlatan Ibrahimovic (Infophoto)

Il futuro al Milan di Zlatan Ibrahimovic è molto incerto. Le ultime uscite dello svedese, all’insegna di uno strisciante nervosismo, non sono per niente piaciute ai piani alti di via Turati. E’ probabile che l’attaccante stia attraversando un momento delicato, di grande confusione. Il suo attuale contratto scade nel 2014, ed è in ballo l’ipotesi di un prolungamento per un ulteriore anno. Però Ibra non è del tutto convinto. Non è da escludere che, spinto dall’ineffabile Raiola, cerchi l’ultimo grande contratto della sua carriera. Negli ultimi tempi si era vociferato del Real Madrid, laddove c’è un certo Josè Mourinho, suo estimatore incondizionato. Al Milan, intanto, non sono contenti di lui. Sia per il doppio episodio Aronica-Storari (punito solo lo schiaffo al primo), che ha privato Allegri dello svedese in un momento in cui già mancano all’appello Pato e Cassano. E poi perchè lo svedese continua ad essere allergico alle grandi sfide, specialmente nel mese di febbraio, che si è confermato il più negativo per lui. “Lo aspettiamo più in forma e più sereno di prima”, ha mandato a dirgli il tecnico rossonero, che ha provato in questo modo a stimolarlo a distanza. Evidentemente, nell’ultimo periodo, non lo riteneva nè sereno nè in forma. Meglio darsi una mossa, quindi, in attesa di capirne di più sul futuro. La permanenza di Ibra in rossonero, ad ogni modo, potrebbe essere decisiva per sbloccare l’affare Keita. Adriano Galliani, infatti, continua a monitorare la situazione del maliano – di passaporto francese – in forza al Barcellona. Cosa c’entra Ibrahimovic? Semplice, l’attaccante, ai tempi della sua esperienza in Catalogna, legò molto con l’amico Seydou, e dunque, secondo la Gazzetta dello Sport, potrebbe convincere la dirigenza ad effettuare l’investimento. 32 anni, grande esperienza internazionale, Keita è alla ricerca di nuovi stimoli. Al Barça è chiuso da Fabregas e Thiago Alcantara, per cui non disdegnerebbe l’ipotesi di una nuova avventura. Per caratteristiche tecniche, il giocatore potrebbe rivelarsi assai utile nel contesto del campionato italiano. Duttilità e intelligenza tattica spiccano nel suo bagaglio, per la felicità di Massimiliano Allegri, alla ricerca di forze fresche nel settore di centrocampo.

Ibra e Keita, due nodi per un Diavolo che si interroga sulle prospettive future. Per l’immediato, comunque, l’obiettivo è uno solo: guai ad arrendersi alla Juve…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori