CALCIOMERCATO/ Milan, Muntari, estasiato dall’Eden rossonero, si blinda: Il prossimo anno avrò più spazio…

Il centrocampista del Milan, Sulley Muntari, da pochi giorni a Milanello, è già rimasto colpito dall’atmosfera rossonera e dall’aura di vittorie che si respira a Carnago

23.02.2012 - La Redazione
Muntari_Milan
Muntari autore di una doppietta (Infophoto)

CALCIOMERCATO – L’esordio di Sulley Muntari con la casacca del Milan non poteva essere migliore. Il centrocampista ghanese è infatti subito andato in rete contro il Cesena, gol che tra l’altro ha spazzato la strada ai compagni per la vittoria finale. In contemporanea, vi era un’Inter (sempre più in un tunnel senza fine) che capitolava sotto i colpi del Bologna a San Siro. Ma il ghanese non si sente di accusare gli ex amici per il poco spazio trovate anche se, qualche colpevole per l’inutilizzo ad Appiano Gentile c’è: «Non do colpe – ammette in un’intervista concessa a La Gazzetta dello Sport – Sono rimasto in buoni rapporti con tutti, a parte un paio di persone che non voglio nemmeno nominare, gente che non ha coraggio o sincerità. Però i tifosi dell’Inter sono super, sono stato molto bene con loro. E ora voglio guardare avanti, sono nel club più forte del mondo. Dio ha voluto così, è Dio che fa tutto. E il momento buono è arrivato». Da pochissimi giorni è a Milanello ma Muntari è già rimasto colpito in positivo dall’atmosfera che si respira fra le fila dei campioni d’Italia: «Vede quello che mi piace del Milan? L’armonia, la gente che scherza, che lavora in serenità. E l’allenatore? Sembra un amico, tutti parlano con lui. Cassano scherza con lui, Flamini, tutti. Sembra uno di noi, ma ognuno sa quando è il momento di lavorare duro». Muntari elogia Massimiliano Allegri, allenatore con cui tutti scherzano e sembrano avere un ottimo rapporto, così come l’amministratore delegato Adriano Galliani e il suo braccio destro da una vita, il direttore sportivo Ariedo Braida: «Braida e Galliani sembrano fratelli da quanto vanno d’accordo. Qui vedo gente che scherza, lavora, si parla. Il dialogo è importantissimo per tirare fuori il meglio dai giocatori. Qui nessuno fa sentire di essere il boss, ma poi si capisce chi comanda». C’è stato un momento in cui Muntari pareva titubante sulla destinazione rossonera ma Galliani è riuscito a convincere il nazionale ghanese con un furbo escamotage: «Galliani – confessa il roccioso centrocampista – mi ha fatto vedere quello che avevano vinto, e tutte quelle coppe ti caricano se hai obiettivi grandi». Infine una dichiarazione per il futuro: «L’anno prossimo avrò più spazio».

Ricordiamo che Muntari è in prestito a Milanello per sei mesi e di conseguenza il giocatore sembra avere già anticipato quale sarà la sua casa per il prossimo anno…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori