MILAN/ Robinho si ferma in allenamento: salta Parma?

- La Redazione

Durante l’allenamento odierno Robinho ha subito una contusione alla caviglia destra che l’ha costretto allo stop. Non sembra niente di grave, ma domani si valuteranno le sue condizioni.

Robinhor_r400
Robinho: per lui contusione alla caviglia in allenamento (Infophoto)

Non c’è pace in questa stagione per il Milan. Non parliamo di risultati sportivi, che invece stanno arrivando (primo posto in campionato, qualificazione ai quarti di finale di Champions League e ancora in gioco in Coppa Italia) ma dell’infermeria di Milanello, che negli ultimi anni non è mai stata così piena. Nel momento in cui scriviamo sono sempre fermi ai box Nesta, Gattuso, Seedorf, Flamini, Pato, Cassano e Boateng; una situazione che ha costretto Allegri a provare situazioni sperimentali, come ad esempio l’impiego di Emanuelson da trequartista. Oggi sono arrivate altre cattive notizie da Milanello: durante l’allenamento, Robinho è stato costretto allo stop a seguito di un colpo ricevuto. Da primi accertamenti sembra si tratti di una semplice contusione alla caviglia destra, nulla di grave quindi, tanto che sembra non essere in dubbio nemmeno la presenza del brasiliano nella gara di campionato in programma sabato contro il Parma. Ad ogni modo domani si valuteranno concretamente le condizioni di Robinho: nel caso non dovesse farcela, l’unica soluzione disponibile resterebbe quella di utilizzare Stephan El Shaarawy, che scalpita per un posto da titolare, è pronto a giocare e quando è stato chiamato in causa ha sempre risposto in modo positivo (ad eccezione, forse, della gara di Londra contro l’Arsenal). E’ una maledizione quella di quest’anno per il Milan: a turno, e nemmeno troppo a turno, quasi tutta la rosa si è infortunata. I casi più gravi sono certamente quelli di Flamini (fermo dal trofeo Berlusconi di agosto, recentemente tornato in campo con la Primavera ma fermatosi di nuovo), Cassano (problemi al cuore, costretto a chiudere in anticipo la stagione con la possibilità concreta che salti anche gli Europei) e Gattuso, la cui epopea per il problema all’occhio ha addirittura del paradossale: prima la diagnosi sbagliata e quattro mesi di cure inutili, poi l’ok per tornare ad allenarsi, quindi il nuovo imprevisto. Cose simili erano accadute alla Juventus nelle ultime due stagioni, una serie infinita di problemi muscolari che aveva decimato la rosa: allora, si era parlato delle condizioni del campo di allenamento, ritenuto troppo “morbido”. Non sappiamo quali siano le cause di questi stop a ripetizione, certo però che i rossoneri, come ha ricordato Adriano Galliani nei giorni scorsi, la rosa del Milan è finora stata in grado di assorbire le assenze che di volta in volta ha dovuto affrontare: da questo punto di vista, possiamo davvero dire che l’organico dei rossoneri sia il più forte, o comunque il più attrezzato, dell’intera serie A. 

Attendiamo comunque gli accertamenti per Robinho, per capire se sabato sarà in campo con il Parma. Tanto, lo si è visto, per uno come Ibrahimovic cambia poco: lo svedese ha già mandato in gol ogni suo compagno di reparto. Quando non decide di pensarci da solo, visto che ha già messo in porta 19 palloni nell’attuale campionato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori