PAGELLE/ Parma-Milan (0-2): i voti, la cronaca e il tabellino (ventottesima giornata)

- La Redazione

Il Parma crea, il milan segna. Finisce 0-2 ed i rossoneri continuano a volare in attesa dell’altra sfida del sabato. Le reti realizzate dal solito Ibrahimovic e da un sorprendente Emanuelson

IbrahimovicPalermoR400
Zlatan Ibrahimovic: contrordine, questa sera lo svedese gioca (Infophoto)

Il Parma crea, il Milan segna. Finisce 0-2 ed i rossoneri continuano a volare in attesa dell’altra sfida del sabato. Le reti realizzate dal solito Ibrahimovic e da un sorprendente Emanuelson, autore di una rete straordinaria.
Nel primo tempo del Tardini va in scena la sagra dell’errore. Il risultato è una frazione di gioco molto divertente, ma anche piuttosto povera dal punto di vista dei contenuti tecnici. Sarà l’aria frizzante del Tardini, saranno le scorie di una settimana passato con l’occhio sull’urna di Nyon, fatto sta che all’uscita dai blocchi il Milan di Allegri appare svagato e fuori fase. Valdes prova a svegliarlo con un destro a girare che fa la barba al palo lontano. Nulla sembra però destare i rossoneri dal torpore, nemmeno la staffilata di Giovinco, imbeccato da un Abbiati sin troppo sufficiente. Come spesso capita però, le grandi squadre colpiscono al primo affondo. Siamo al 17esimo minuto di gioco, lo schema dei rossoneri è lancio lungo per Ibra e vediamo cosa accade. Il risultato è una sponda invitante per Emanuelson che di prima intenzione trova il braccio larghissimo di Zaccardo. Per Banti e per chiunque altro al mondo è rigore, non c’è moviola che tenga né polemica arbitrale. Ibrahimovic dal dischetto ha il suono di una sentenza già scritta e così quando la palla gonfia la rete, davvero nessuno si stupisce. L’immeritato svantaggio, affloscia un Parma troppo dipendente dall’estro dei velocisti Giovinco e Biabiany. Sono allora i campioni d’Italia ad andare vicini al raddoppio. Ci prova il solito Ibrahimovic da calcio piazzato, Mirante compie un mezzo miracolo e viene graziato dalla sciagurata ribattuta di Emanuelson. Fallito il colpo del KO il finale di gara vede il Parma crescere e colpire la traversa con una fortunosa deviazione di Thiago Silva, ed il Milan fallire ancora con Ibra che imbeccato da un disastroso Morrone si lascia ipnotizzare dal bravissimo Mirante in uscita disperata.
Così come avvenuto nel primo tempo, la ripresa propone una partenza razzo dei padroni di casa. I rischi dalle parti di Abbiati sono sempre potenziali e non si concretizzano mai in pericolose conclusioni, bastano comunque per dare la sensazione di una partita ancora tutta da vivere e giocare. Solo la sensazione però, perché proprio come nel primo tempo è sempre il Milan a concretizzare. Se non ci pensa Ibrahimovic è allora Emanuelson ad ergersi a fuoriclasse e chiudere la pratica ducale con largo anticipo. Il factotum olandese raccoglie un pallone a metà campo e, sfruttando la disattenzione della difesa di Donadoni, supera chiunque si pari sul suo percorso depositando nella rete sguarnita il doppio vantaggio rossonero. Importante rivincita per il talento ex-Ajax che dopo mesi di critiche aspre e dure si prende la sua giusta rivincita. Da qui in poi non ci sarà più partita, il Milan sull’invito del tecnico Allegri si limita ad un’accorta gestione del pallone. Il Parma, dal canto suo, affida infruttuosamente le proprie speranze sui piedi dell’isolato Giovinco. I rischi più grossi arrivano però da una conclusione di Musacci, sul quale Abbiati si merita la pagnotta con una grande risposta (nonostante la deviazione di Thiago Silva). I minuti di recupero regalano, invece, due sussulti: il rientro in campo di Gattuso dopo il lungo stop, ed una gran botta di Floccari che bacia la traversa e conferma la giornata tutto fuorché fortunata per i colori gialloblu.

Ibrahimovic su rigore al 17′ p.t.; Emanuelson al 20′ s.t.

Mirante; Zaccardo, Paletta, A.Lucarelli; Jonathan, Mariga (dal 26’ p.t. Musacci), Valdes, Morrone (dal 28’ s.t. Okaka), Biabiany (dal 18’ s.t. Valiani); Floccari, Giovinco. (Pavarini, Ferrario, Santacroce, Modesto). All.: Donadoni.

Abbiati; Zambrotta, Bonera, T.Silva, Antonini; Nocerino, Ambrosini, Muntari (dal 46’ s.t. Gattuso); Emanuelson (dal 41’ s.t. Aquilani); Ibrahimovic, El Shaarawy (dal 32’ s.t. M.Lopez). (Amelia, Yepes, Mesbah, Inzaghi). All: Allegri.

Banti di Livorno.

Spettatori paganti 9.861 per un incasso di 267.022,40 euro. Abbonati 9.620 per una quota di 91.290,30 euro. Ammoniti Antonini per gioco scorretto, accardo e Paletta per gioco scorretto., Muntari per proteste. Angoli 9-1. Recuperi: 3’ p.t.; 3’ s.t.

Parma

 

Mirante 6: Fa quel che può ed anche qualcosa in più. Nessuna colpa particolare sui gol.

Zaccardo 4: Sbaglia praticamente tutto. Regala due rigori, per sua fortuna Banti ne vede uno solo.

Paletta 5.5: Fa a spallate con Ibra a volte ne esce vincitore, più spesso però lo perde.

Lucarelli 6: Il migliore della retroguardia emiliana.

Jonathan 6: Tanta volontà, ma anche troppi errori nell’ultimo tocco.

Mariga 6: La solita grande grinta, garantisce molto dinamismo fino a che resta in campo. (Dal 27’pt Musacci 5: Non garantisce il necessario filtro a metà campo).

Morrone 5: Svagato e poco presente in fase di interdizione. (Dal 28’st Okaka sv).

Valdes 5.5: Parte benissimo presentandosi spesso al tiro, si spegne con il passare dei minuti.

Biabiany 7: E’ il migliore dei suoi sino alla sostituzione. (Dal 18’st Valiani 5: Con lui in campo, i ducali perdono molta imprevedibilità).

Floccari 5: La traversa a partita già ampiamente chiusa è l’unico squillo della sua gara.

Giovinco 6: Il Parma si affida sempre ai suoi piedi, fa quel che può… Contro questo Milan, davvero poco.

 

All. Donadoni 5.5: Gli episodi lo puniscono, non convince però la decisione di togliere Biabiany. Il più pericoloso dei suoi.

Milan

 

Abbiati 6.5: Una grande parate e tanta attenzione.

Zambrotta 5.5: Soffre la vivacità di Giovinco e Biabiany.

Bonera 7: Si fa trascinare dal solito straripante Thiago Silva.

T. Silva 6.5: Chiude ogni falla pur sfiorando l’autorete in un paio di occasioni.

Antonini 6.5: Non delude e garantisce un’ottima fase difensiva.

Nocerino 6: La tripletta dell’andata non trova seguito, prestazione di sostanza più che qualità.

Ambrosini 6: Poco appariscente ma molto efficace.

Muntari 6: Grande lavoro in fase di copertura, sradica diversi palloni importanti regalando buone ripartenze ai suoi. Ingenua l’ammonizione al momento dell’uscita. (Dal 44’st Gattuso 6: Di incoraggiamento).

Emanuelson 7: Un gol maradoniano per cancellare le critiche, ormai lontani ricordi. (Dal 41’st Aquilani sv)

Ibrahimovic 7: Terminale offensivo, regista e finalizzatore. Tutto di più all’interno del capocannoniere della Serie A.

El Shaarawy 5.5: Tanto movimento senza costrutto. (Dal 32’st Maxi Lopez sv)

 

All. Allegri 6.5: La difesa non subisce ed il Milan continua a volare anche senza incantare.  

(Massimiliano de Cesare)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori