CALCIOMERCATO/ Milan, futuro di Allegri: dopo Leonardo sarà ancora scontro Galliani-Berlusconi…

- La Redazione

L’ad del Milan, Adriano Galliani, difende a spada tratta l’operato dell’allenatore Massimiliano Allegri mentre il presidente, Silvio Berlusconi, sembra pensarla diversamente…

Galliani
Adriano Galliani, ad Milan (Foto Infophoto)

CALCIOMERCATO – Il futuro di Massimiliano Allegri continua ad essere molto incerto. I recenti risultati negativi ma soprattutto l’eliminazione prematura dalla Champions League hanno infatti gettato diverse ombre circa la permanenza a Milanello del tecnico livornese. Secondo il presidente Silvio Berlusconi i rossoneri hanno fatto una brutta figura contro il Barcellona nonostante i catalani siano la squadra, riconosciuta all’unanimità, più forte al mondo. Il Milan, in effetti, non riesce più ad incidere al di fuori dei confini europei e il famoso dna europeo, marchio di fabbrica rossonero di un tempo, è praticamente scomparso. Naturalmente non tutti la pensano come il numero uno di via Turati. Il Milan e soprattutto Allegri, ha dalla sua diversi alibi, su tutti i continui infortunati che stanno falcidiano e non poco il cammino dei campioni d’Italia in carica. Secondo alcuni infatti è quasi miracoloso il primo posto (per ora virtuale) dei rossoneri nonostante negli ultimi tempi giocassero sempre gli stessi e dopo una stagione che ha visto giocatori del calibro di Gattuso, Pato e Boateng, spesso e volentieri fermi ai box. Fra la frangia che intende proteggere Massimiliano Allegri vi è anche l’amministratore delegato rossonero, il dirigente più a contatto a Milanello con giocatori e allenatori. Galliani ha infatti ricordato spesso e volentieri i vari infortunati nelle recenti interviste difendendo sempre l’operato dell’ex allenatore del Cagliari. A questo punto non è da escludere un nuovo “scontro” fra il vicepresidente del Milan e il numero uno rossonero al termine della stagione in corso per stabilire il futuro di Allegri. Lo stesso avvenne non molto tempo fa, al termine dell’annata 2009-2010, quando alla guida vi era un certo Leonardo. L’ex dirigente brasiliano è stato un uomo di fiducia di Galliani e quest’ultimo ha dovuto fare un notevole sforzo a fine stagione quando le varie parti in gioco si sono separate. All’epoca vinse Berlusconi e sicuramente il presidente ebbe ragione della scelta vedendo anche quanto accaduto con l’Inter, ma questa estate chi trionferà? Naturalmente i tifosi sperano che il fattaccio venga evitato visto che significherebbe che il Milan avrebbe sulle maglie uno scudetto in più, ma nulla è da lasciare al caso con questa Juventus che non intende perdere colpi.

E nel frattempo, all’ombra, c’è un bel trio formato da Spalletti, Van Basten e Guardiola, che potrebbero subentrare ad Allegri…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori