CALCIOMERCATO/ Milan, Traorè apre ai rossoneri: Club tra i più forti al mondo

- La Redazione

Le parole del centrocampista del Nancy, che si è detto onorato per l’interesse mostrato dal Milan nei suoi confronti. In casa rossonera si prepara una rivoluzione in mediana…

galliani_r400
Galliani (infophoto)

Il Milan ha messo gli occhi su Bakaye Traorè. Secondo gli ultimi rumors provenienti dalla Francia, i rossoneri starebbero seguendo con molta attenzione il 27enne centrocampista, in forza al Nancy. “Sono onorato dell’interesse mostrato da un club così importante nei miei confronti”, ha dichiarato il giocatore ai microfoni di Sport24, sottolineando che per lui il Milan è “una delle quattro squadre più forti al mondo, assieme a Real, Barcellona e United”. Per il momento, però, si tratterebbe di semplici voci, stando alle parole dello stesso Traorè. Classe 1985, nazionale del Mali – con cui ha totalizzato finora 16 presenze e 2 reti – gioca nel Nancy dal 2009, dopo una lunga esperienza tra le fila dell’Amiens. Per lui sembra essere arrivato il momento di spiccare il volo in un top club. Nella Ligue 1, il massimo campionato francese, è sempre uno dei più positivi, per continuità e regolarità di rendimento. Il Diavolo si è interessato alle sue prestazioni, anche in vista di una possibile rivoluzione nel reparto di centrocampo. Sono tanti, infatti, i giocatori in scadenza di contratto, da Ambrosini a Seedorf, passando per Van Bommel, Gattuso e Flamini. I maggiori indiziati per una partenza sembrano i due olandesi. Seedorf potrebbe tentare un’esperienza all’estero, forse in Brasile, mentre Van Bommel è tentato dal ritorno in patria, dove da tempo lo sta corteggiando il Psv Eindhoven. Ambrosini sembra, invece, il favorito numero uno in chiave rinnovo, che potrebbe toccare anche a Gattuso, tornato in campo a Verona dopo mesi di assenza. Per il mediano calabrese, il prolungamento di contratto sarebbe quasi una sorta di premio, vista la sua dedizione alla causa, da svariati campionati a questa parte. Da valutare, poi, la situazione del francese Mathieu Flamini, peraltro l’unico under 30 della pattuglia. Bisognerà considerazione con molta attenzione il suo recupero fisico, visto che in pratica è fermo ai box da inizio stagione per via di un brutto infortunio al crociato del ginocchio destro. Naturalmente, le scelte sul centrocampo del futuro dipenderanno soprattutto dalle idee dell’allenatore. E non è detto che sia ancora Massimiliano Allegri, che per rimanere a Milanello sembra quasi ‘condannato’ a vincere lo scudetto. E’ nota l’insofferenza del patron Berlusconi, che pretende dalla squadra un gioco più spettacolare. 

Al Berlusca non dispiacerebbe un tecnico giovane, che proponga un calcio più frizzante rispetto a quello teorizzato dal livornese. Sarà un finale di stagione infuocato soprattutto per quest’ultimo…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori