CALCIOMERCATO/ Milan, telefonata Berlusconi-Allegri, torna il sereno fra i due

- La Redazione

Contatto telefonico fra il presidente del Milan, Silvio Berlusconi e l’allenatore Massimiliano Allegri. Il patron ha voluto rassicurare il proprio tecnico motivandolo per la volata finale

berlusconi1_r400
Silvio Berlusconi, presidente Milan (Foto Infophoto)

CALCIOMERCATO – Un contatto telefonico recente fra il presidente del Milan, Silvio Berlusconi, e il suo allenatore, Massimiliano Allegri. Un colloquio che smentisce di fatto le indiscrezioni degli ultimi giorni che parlavano di un tecnico rossonero sulla graticola e in aperta rotta con il numero uno di via Turati sia per l’eliminazione in Champions League quanto per la sconfitta di San Siro contro la Fiorentina. La Gazzetta dello Sport riporta invece la notizia di una telefonata dai toni affettuosi fra i due attori protagonisti risalente alla scorsa settimana, e precisamente al post-Chievo-Milan, vittoria di cuore del Diavolo. Il tecnico livornese è stato criticato molto negli ultimi tempi, accusato di gestire male gli infortunati, su tutti Thiago Silva, Boateng, Pato, nonché del gioco non più brillante come qualche settimane fa e della sconfitta contro la Viola con conseguente perdita della vetta della classifica. Berlusconi quindi, se in pubblico cerca sempre di scuotere la squadra e di invogliarla a fare di più, in privato non fa mai mancare il proprio appoggio all’allenatore. Contatti che di fatto smentiscono l’esistenza di un’asse fra Galliani e Allegri contestato (l’allenatore ex Cagliari è stato scelto dall’ad). Chi è vicino all’allenatore racconta della soddisfazione di quest’ultimo per la chiamata ricevuta da Berlusconi, che tra l’altro, avrebbe anche apprezzato la continua rivendicazione dei torti arbitrali subiti. L’obiettivo ultimo della squadra è quello di rimanere compatta e di concludere nel migliore dei modi il finale di stagione, magari, con 6 vittorie di fila, sperando poi in un piccolo passo falso della Juventus. Già domenica potrebbe smuoversi qualcosa a livello di classifica. Il Milan, infatti, avrà sulla carta un impegno facile, la gara interna contro il Bologna, mentre la Juventus ospiterà allo Stadium l’incognita Roma, squadra capace di vincere per 4 a 0 e il weekend dopo di affondare sotto i colpi degli avversari. Accantonate quindi per ora le voci che vogliono il Milan sulle tracce di Marco Van Basten, Fabio Capello, Luciano Spalletti o Pep Guardiola per la prossima stagione. Fiducia incondizionata ad Allegri e poi a fine campionato si tireranno le somme.

L’allenatore ha centrato lo scudetto alla prima annata, lottando per l’obiettivo tricolore anche alla seconda stagione: la terza potrebbe essere quella della definitiva consacrazione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori