CALCIOMERCATO/ Milan, Kagawa rifiuta il rinnovo, i rossoneri possono provare l’assalto?

- La Redazione

Il trequartista giapponese del Borussia Dortmund Shinji Kagawa ha rifiutato una prima proposta di rinnovo da parte del club. La sua partenza sembra scritta, il Milan può provare l’assalto.

Kagawa_R400
Shinji Kagawa gioca nel Borussia Dortmund dal 2010 (Infophoto)

Fumata nera dalla regione della Ruhr, fatto che interessa molto al Milan. Il portale Soccerway riporta la notizia secondo la quale Shinji Kagawa, trequartista 23enne del Borussia Dortmund, ha rifiutato la proposta di rinnovo del contratto, in scadenza nel 2013. Nei giorni scorsi il direttore sportivo del club campione di Germania in carica e concretamente vicino al bis, Michael Zorc, aveva dichiarato come la volontà del Dortmund fosse quella di trattenere Kagawa, e che tutto sarebbe dipeso dal giocatore. A quanto pare, il giapponese ha deciso che la sua avventura con il Borussia è finita, oppure che la prima offerta non è considerata adeguata; ad ogni modo, ci sono margini per inserirsi. Sicuramente il cllub tedesco ci riproverà: Kagawa è uno dei gioielli della formazione giallonera. Arrivato a Dortmund nell’estate del 2010, il giapponese è stato uno degli elementi decisivi per la conquista del titolo a nove anni di distanza dall’ultimo. Trequartista nel 4-2-3-1 di Jurgen Klopp, gioca dietro l’unica punta Barrios o Lewandowski e insieme a Mario Gotze, attualmente infortunato, è l’uomo che cambia il passo della squadra e ne velocizza il gioco grazie alla sua rapidità nello stretto e alla grande qualità. Lo scorso gennaio, durante la Coppa d’Asia vinta dal suo Giappone, si è infortunato gravemente dovendo rinunciare alla seconda parte della stagione; ma quest’anno è tornato con anche più concretezza dello scorso anno: sono già 12 i gol realizzati in Bundesliga, dove particolarmente nell’ultimo periodo ha risolto partite fondamentali per mandare in fuga la squadra. Sicuramente, se davvero Kagawa non dovesse rinnovare, il Borussia Dortmund sarebbe costretto a cederlo, altrimenti l’anno prossimo se ne andrebbe senza che il club incassi un Euro. Il Milan ci può provare: deve ringiovanire il centrocampo, che molto probabilmente perderà Seedorf e Van Bommel e non può contare su un Ambrosini fisicamente integro per nove mesi. Da qui, l’operazione: nel 4-3-1-2 di Allegri sarebbe l’uomo dietro le punte, difficile vederlo come mezzala perchè anche le caratteristiche fisiche ne sconsigliano l’utilizzo in quella posizione. Ma l’acquisizione del giapponese potrebbe voler dire spostare Boateng sulla linea dei tre centrocampisti:

Il Milan ne guadagnerebbe in fisicità e qualità a centrocampo, ipotizzando Nocerino sull’altro lato e Aquilani davanti alla difesa. Un centrocampo di piedi buoni, inserimenti senza palla, grande corsa garantita da Boateng e Nocerino, e tra le linee i guizzi di Kagawa che innesca Ibrahimovic e Robinho (o chi per lui) ma può anche cercare la soluzione personale. Un progetto intrigante, per il quale serviranno non meno di 20 milioni di Euro; il Dortmund potrebbe però fare sconti, per quanto abbiamo detto prima. Siamo dell’idea che il Milan ci debba provare: Kagawa può davvero cambiare gli equilibri di una squadra. Forse non da solo, ma inserito nel giusto contesto può essere l’arma in più per dare nuovamente l’assalto a quella Champions League che ieri sera è sfuggita dalle mani.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori