25 MAGGIO 2005/ Milan-Liverpool (Istanbul): il dialogo dei Gufi sulla tragedia rossonera

- La Redazione

25 maggio 2005, finale di Champions League a Istanbul: Milan-Liverpool 3-3 (5-6 dopo i rigori). La gara più tragica della storia del Milan nel ricordo di un interista e uno juventino.

gerrard1_r400
Steven Gerrard esultante (Infophoto)

Era una bella giornata di fine maggio, il 25 maggio 2005. In serata era in programma la finale di Champions League e Dino NapoManzoni, tifoso interista allora in 5a liceo, vicinissimo dunque alla maturità, ed El Merendero, tifoso juventino allora studente universitario che vedeva avvicinarsi la sessione estiva di esami, erano in ansia, perché a giocarsi la Champions League c’era proprio il grande rivale delle loro due squadre del cuore, il Milan allora diretto da Carlo Ancelotti. La preoccupazione per un eventuale successo nemico era accresciuta dal fatto che la rivale dei rossoneri era il Liverpool di Rafael Benitez, non di certo la squadra migliore d’Europa e che – diciamolo francamente – era arrivato fin lì con un po’ di fortuna e assistito dal fato (o dal caso? Dal destino?…). Ecco il loro dialogo surreale ed immaginario – ma fondamentalmente corretto – sulla partita giocata allo “Stadio Olimpico Ataturk” di Istanbul, una cattedrale nel deserto fuori città, praticamente abbandonato dopo quel match. Una finale che è entrata nella leggenda… 

1′ minuto p.t. Gol di Paolo Maldini 

DNM: “Ma non è possibile dai, non è nemmeno iniziata…” 

EM: “E poi così, su punizione, una palletta dentro… Però appunto: c’è tutta la partita” 

DNM: “Speriamo, questo Liverpool non m’ispira troppo… la mia classe è piena di milanisti, domani sarà dura se vincono” 

EM: “Non me ne parlare, in università ci sono soggetti che parlano giusto per parlare, e però se vincono, domani come fai a fermarli? Me lo vedo il chiostro, non farmici pensare” 

Passa il tempo, e il Milan comanda il gioco: al 38′ minuto, poi, arriva il raddoppio di Hernan Crespo 

DNM: “Ecco, figurati, ci mancava solo il gol dell’ex interista… E Crespo mi sta pure simpatico, non riesco neanche ad arrabbiarmi” 

EM: “Non ci si può non arrabbiare per un gol del Milan, ex o non ex. Comunque, questi qui sono la squadra più scarsa degli ultimi vent’anni…” 

Passano pochi minuti, e al 43′ Hernan Crespo firma addirittura la doppietta personale e il 3-0 per il Milan

DNM: “Sì, va beh… adesso basta. Ma come diamine ha fatto il Liverpool ad arrivare fin qui? (suona il cellulare) Ecco i miei amici milanisti, già arrivano i primi messaggi. Meno male che non sono andato a vederla da loro!”

EM: “No no ma guarda: per me che finisca così è troppo scontato, succederà qualcosa…”

DNM: “Mi fido sempre di te, El Merendero… ma consentimi di essere scettico”

Intervallo sul punteggio di 3-0 per il Milan

DNM: “Che dire? Speriamo in un miracolo o ci rassegniamo? Cominceranno di nuovo con la loro retorica… siamo i migliori, i più belli, i più titolati al mondo”

EM: “Il punto è esattamente questo: domani per tenere testa a questi qui ci vorranno le pastiglie, però le capsule molli, mica quelle normali!”

Passaggio sulle tv locali lombarde, e Mauro Suma proclama “La stiamo vincendo!”

DNM: “Eccolo qua, già festeggia! Speriamo proprio che tu abbia ragione El Merendero!”

EM: “Te lo dico qui e ora: entro il 70′ la pareggiano”

Inizio secondo tempo, il Milan sfiora addirittura il 4-0 e arriva la prima bella parata di Jerzy Dudek 

DNM: “Beh, almeno il portiere qualcosa di buono lo combina. Forse non finisce 6-0…”

EM: “ Abbi fiducia… certo che il Liverpool se si presentasse in campo…”

9′ minuto s.t. Steven Gerrard, il capitano del Liverpool segna il 3-1

DNM: “Dai, almeno questa! Facciamoli soffrire un po’ questi milanisti!”

EM: “Gran gol, gran gol… c’è ancora tempo Dino…”

11′ minuto, Vladimir Smicer segna il 3-2

DNM: “Oh mamma! Dai che si è riaperta. Che beffa storica se succede davvero…”

EM: “Sono in bambola adesso, li vedi che non girano più come prima”

14′ minuto, Gattuso commette fallo su Gerrard: rigore per il Liverpool

DNM: “Altro che 70’… siamo in vantaggio di 10 minuti (spero)”

EM: “Ma perchè quando parlo non c’è mai nessuno che registra??”

15′ minuto, Xabi Alonso si fa respingere il rigore ma segna sulla ribattuta

DNM: “Nooo… Sìììììì! Altro che 5 maggio, 25 è il quadrato, qui li zittiamo per i prossimi 3 secoli…”

EM: “ E te lo ripeto: ma perchè quando parlo… E adesso magari la vincono anche!”

Prosegue la partita, e il Milan torna a dominare…

DNM: “Ti rendi conto che la stanno buttando via contro una squadraccia? In 6 minuti, giusto il tempo di cuocere un uovo!!!”

EM: “Fossimo in campo noi, vedi che uno-due che faremmo! Ma qui rischia che hanno fatto il miracolo e non ne approfittano”

A un certo punto Jerzy Dudek, polacco devoto a Giovanni Paolo II (morto pochi giorni prima), compie una parata miracolosa – non si sa bene in che modo – su Shevchenko

DNM: “Oh-oh… Comincio a sentire aria di miracolo (pur non sapendo ancora della devozione di Dudek)

EM: “”Non è vero. Non è vero. Se non la vincono dopo questa cosa…”

E così si arrivò ai rigori…

DNM: “A questo punto DEVE vincere il Liverpool… La favola non può interrompersi sul più bello!”

EM: “Eh mai sai, la roulette… la freddezza… certo per come è andata dovrebbero vincerla i Reds, poco da dire”

Sbaglia Serginho, segna Hamann: 0-1

DNM: “Alla grande! Dai che ci siamo! Mitico Dudek, anche il balletto gli fa”

EM: “Come Grobbelaar con Ciccio Graziani… ma cos’è, il giorno della marmotta?”

Sbaglia Pirlo, segna Cissè: 0-2

DNM: “Il grande rigorista ed ex interista che sbaglia… si è proprio ribaltato tutto!”

EM: “E Cissé che facce fa?? Ahah grandissimo!”

Segna Tomasson, sbaglia Riise: 1-2, si riapre tutto

DNM: “Mamma che sofferenza… ma questo Tomasson sbuca sempre al momento delle imprese disperate?”

EM: “Ecco ecco, i mancini sbagliano sempre”

Segnano Kakà e ancora Smicer: 2-3

DNM: “Grande Smicer, sei il mio idolo da oggi!”

EM: “Calmi calmi, siamo ancora davanti. Siamo? Sì. Siamo”

Sul dischetto Sheva: se sbaglia è finita. E Dudek, con il suo solito balletto, para…

DNM: “Storia, leggenda, mito! Perchè, perchè… 3-1, 3-2, 3-3. La stanno perdendo… anzi, l’hanno persa!”

EM: “Pazzesco. Meglio dei Red Sox che rimontano gli Yankees un anno fa. Meglio di tutto. Hanno perso, hanno perso!!”

Cose turche ad Istanbul? Una tragedia greca (certo, siamo in Turchia, ma Costantinopoli è stata per secoli il cuore del mondo greco)? Una epica opera del Bardo inglese William Shakespeare? Una commedia all’italiana? In ogni caso, Istanbul 25 maggio Milan-Liverpool 3-3… una data che è già storia.

 

(Dino NapoManzoni – El Merendero) 

 

PS Gufi noi? Ma come potete pensarlo…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori