CALCIOMERCATO/ Milan, Galliani “accontenta” Cassano e apre allo scambio con Pazzini

Intervistato dopo il Trofeo Berlusconi, Adriano Galliani ha ammesso che Antonio Cassano ha chiesto di essere ceduto e che la soluzione più probabile è quella dello scambio. Con Pazzini?

20.08.2012 - La Redazione
cassano_interR400
Antonio Cassano - Infophoto

Una delle principali notizie di calciomercato delle ultime ore riguarda Antonio Cassano. Il fantasista di Bari Vecchia potrebbe essere coinvolto in uno scambio stracittadino con Gianpaolo Pazzini, messo fuori rosa dall’Inter. Nei minuti immediatamente successivi al trofeo Berlsuconi (clicca qui per la cronaca e il tabellino del match), quale che poteva essere una semplice ipotesi di calciomercato si è gonfiata di una consistenza nuova, reale. Ricalcata dalla parola di Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan. Punzacchiato da SkySport al termine del match contro la Juventus, il dirigente rossonero ha ammesso che Cassano (che non è sceso in campo) è in procinto di lasciare il Milan: “Cassano? C’è una trattativa in corso, i nomi li fate voi, e vediamo. Non nego che che qualcosa che bolle in pentola c’è. Potrebbe andare ai cugini, ma sono arrivati anche dei nerazzurri da noi…“. Lo speranzoso riferimento è ai casi Pirlo e Seedorf, esplosi una volta attraversato il naviglio direzione Milan. Ma torniamo a noi: Antonio Cassano all’Inter, Giampaolo Pazzini al Milan. Questa è l’ipotesi di calciomercato ventilata nelle ultime ore, e rafforzata dalle successive dichiarazioni di Galliani a Milan Channel: “Cassano ha chiesto di essere ceduto. L’ipotesi più probabile è quella di uno scambio, vedremo se questa operazione si conclude“. Silvio Berlusconi si è abbottonato in un “non so“, ma intanto nella notte incontrerà Galliani per discutere lo scambio. Più chiaro è stato Max Allegri, che in coda alla sconfitta nel trofeo ha ammesso: “Nonostante le qualità eccelse di Antonio, tenere i giocatori controvoglia non è una buona cosa. Vediamo come si evolve questa cosa: abbiamo bisogno di una prima punta“. Dalle parole del mister scatta veloce un ponte di calciomercato che plana dritto dritto su Pazzini, che l’Inter deve cedere. La soluzione è semplice ed aiuterebbe entrambe le squadre: Cassano di qua, Pazzini di là. La pista alternativa, già ipotizzata nei giorni scorsi, sarebbe lo scambio con lo juventino Matri, ma in questo senso Pazzini sarebbe più comodo da raggiungere in quanto svalutato, dopo l’ammissione di cedibilità (Matri invece è stato da poco blindato sino al 2017). Anche Claudio Pasqualin, noto procuratore e vero e proprio guru del calciomercato, ha ammesso in esclusiva alla nostra redazione la fattibilità dello scambio Pazzini-Cassano, purché condotto alla pari, ovvero senza conguagli economici aggiuntivi. A questo proposito il Milan starebbe già cercando di limare la richiesta di dieci milioni dell’Inter sino ai quattro o cinque. Insomma, Cassano è ufficialmente sul calciomercato, ma il Milan vuole sfruttare questa situazione per arrivare all’attaccante che gli manca. E in questo senso…

…Pazzini anche più di Borriello, per i due anni in meno, il minor stipendio e la contestazione della curva (“Non lo vogliamo” il coro alzatosi questa sera dalla sud). Ma attenzione perché il calciomercato potrebbe riservare un altro scenario, che parte sempre da Cassano all’Inter. Acquistato Fantantonio i nerazzurri potrebbero successivamente cedere Pazzini al Napoli per arrivare a Gargano, lasciando al Milan un gruzzolo decente per arrivare all’obiettivo meglio destinato (un’altra punta o il prestito di Kakà). Per il momento però si tratta di una strategia alternativa: l’operazione in cantiere è l’ennesimo scambio Inter-Milan.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori