CALCIOMERCATO/ Milan, Niang è rossonero: ecco le cifre e i dettagli dell’affare

Il giovane talento francese è sbarcato a Milano ieri sera. Niang si sottoporrà oggi alle rituali visite mediche e poi firmerà il contratto che lo legherà al Milan per i prossimi anni

28.08.2012 - La Redazione
Galliani
Adriano Galliani, ad del Milan (Foto Infophoto)

CALCIOMERCATO – E’ praticamente fatta, il Milan si è assicurato il giovane attaccante di origini francesi M’Baye Niang. Operazione chiusa ieri, con un viaggio in Francia da parte di Adriano Galliani, il figlio dell’avvocato Cantamessa e Oscar Damiani. Il gioiello del Caen di soli 17 anni, seguito durante le scorse settimane anche dal Manchester City, dal Tottenham e dell’Arsenal, alla fine ha scelto i rossoneri. Un salto importante, dal Caen in Ligue 2 (l’equivalente della Serie B), al Milan, ma in via Turati ripongono molta fiducia in questo giovanissimo talento che in patria viene già soprannominato il nuovo Henry. Sbarcato a Milano nella serata di ieri, il ragazzo ha però voluto subito mettere le cose in chiaro: “Nessun paragone, Henry è Henry, Niang è Niang. Ho realizzato un grande sogno venendo qui. Ora spetta a me confermarmi in questo grande club…”. Accompagnato dall’amministratore delegato rossonero, Adriano Galliani, il ragazzo transalpino è stato accolto come una star, da tifosi e giornalisti. Il plenipotenziario del Diavolo, al suo fianco, ha confessato: “E’ presto per dirlo. Ma siamo molto soddisfatti dell’operazione. Il ragazzo è giovane ma andrà in prima squadra”. L’operazione è stata conclusa in poche ore nella giornata di ieri: con il complicarsi dell’operazione per il ritorno di Kakà (anche se ci sono degli spiragli: clicca qui per l’intervista esclusiva a Marcel Vulpis), l’ad rossonero ha rotto gli indugi e ha preso un aereo per la Francia con l’obiettivo di portare a termine la trattativa. In serata la fumata bianca: le cifre parlano di un esborso di un milione e 700mila euro più bonus. Una cifra davvero interessante visto che il Milan si era sentito richiedere almeno 3/4 milioni di euro dalla dirigenza del Caen. Ed ora tutti si attendono grandi cose da questo talentino d’attacco facente parte, nonostante la giovanissima età, della nazionale Under-21 francese, con la quale ha segnato un gol in due presenze. Con il Caen, invece, cinque le reti in 30 partite, numeri interessanti per un ragazzo non ancora maggiorenne. Oggi si terranno le rituali visite mediche e se tutto andrà come previsto l’attaccante apporrà la fatidica firma sul contratto che lo legherà al Milan per i prossimi anni. Niang più El Shaarawy, il Milan del futuro cresce ma nel contempo si guarda anche al presente. Chissà se Niang potrà essere utile nell’immediato a una formazione che all’esordio in campionato contro la Sampdoria è apparsa, oltre che svogliata, senza troppo peso in attacco. E’ chiaro che si tratta più di un’operazione orientata a costruire una squadra futuribile: dipenderà da Allegri cercare di inserire il ragazzo nella giusta maniera, evitare di “bruciarlo” e farlo crescere in una squadra attualmente in difficoltà.

Dopo il gioiellino francese e Pazzini, inoltre, non è da escludere un nuovo arrivo in attacco. Il prescelto sembrerebbe essere Nicklas Bendtner, nazionale danese in partenza dall’Arsenal, che piace per le sue caratteristiche di attaccante centrale in grado di favorire gli inserimenti dei centrocampisti. Un po’ il ruolo che aveva Ibrahimovic, che ora non c’è più.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori