PAGELLE/ Bologna-Milan 1-3 (serie A): i voti della partita (seconda giornata)

Le pagelle di Bologna-Milan, partita valida per la seconda giornata di campionato: i voti dei protagonisti del match del Dall’Ara, che ha registrato la prima vittoria del Milan

02.09.2012 - La Redazione
pazzini_milan_bolognaR400
L'esultanza di Giampaolo Pazzini (Infophoto)

Campionato di serie A 2012/2013, secondo anticipo della seconda giornata: il Milan batte il Bologna al Dall’Ara 3 a 1 grazie alla tripletta di Pazzini che ha segnato hai minuti 16′ (p.t.), 32′ e 40′ (s.t.). Per il Bologna a segno Diamanti al 41′ (p.t.).

La partita è stata molto combattuta da entrambe le squadre, fino al secondo gol del Milan che ha spezzato le gambe al Bologna. Sicuramente nel primo tempo la partita, abbastanza bloccata è stata sbloccata da due rigori concessi dall’arbitro. Nel secondo tempo invece, le squadre, sebbene in maniera abbastanza confusionaria, si sono affrontate a viso aperto, con occasioni da entrambe le parti, fino a quando la il raddoppio di Pazzini e la stanchezza hanno assalito il Bologna che ha lasciato spazio al Milan che ha chiuso il match con la tripletta del Pazzo. Globalmente è stata una partita molto piacevole da guardare, sia per l’aggressività messa in campo, sia per il numero di azioni e di gol realizzati.

La prestazione della squadra di Pioli è stata complessivamente positiva, soprattutto in confronto al brutto esordio in casa del Chievo Verona, terminato con una sconfitta. Nonostante la seconda sconfitta consecutiva, i rossoblù, hanno mostrato di poter mettere in difficoltà chiunque se costanti per tutti i 90 minuti. Di ottime prospettive la coppia d’attacco Diamanti, Pazzini, che è supportata da un buon gioco corale del centrocampo. Da rivedere invece la prestazione difensiva, con maggior attenzione su errori che potevano essere evitati, come ad esempio l’errore di Agliardi sul secondo gol del Milan.

La prestazione dei ragazzi di Allegri è stata nel complesso sufficiente. In attacco bisogna ringraziare la vena ritrovata di Giampaolo Pazzini, autore di una tripletta, mentre nel resto dei reparti è evidente che quella di Allegri è una squadra ancora in costruzione, che deve trovare i giusti equilibri. Gli ingressi dei neo-arrivati Bojan e De Jong, sono buoni punti di partenza su cui lavorare, soprattutto dal punto di vista tattico. Inoltre ci sono giovani di ottime speranze, quali il Piccolo Faraone, ancora in ombra dopo la prestazione contro la Sampdoria, e De Sciglio che sembra essere una buonissima alternativa ad Abate. Al centro della difesa buona anche la prestazione di Acerbi, anche lui di buone potenzialità. Nel complesso quindi Allegri ha il compito di trovare il modulo giusto per i giocatori che ha a disposizione; che non ci siano fenomeni è evidente, ma nel complesso il Milan potrà dare il suo contributo anche a questo campionato se riuscirà a trovare il giusto equilibrio.

Grave l’errore del rigore concesso al Milan nel primo tempo, doveva essere fallo in attacco di Pazzini; nel secondo tempo rimane poi condizionato dall’errore e fischia molto a favore del Bologna dando troppi cartellini gialli ai giocatori del Milan.

Agliardi, 5: Gravissimo errore commesso in occasione del raddoppio del Milan; sul cross di Antonini, il portiere rossoblù non ha bloccato il pallone e ha permesso a Pazzini di portare in avanti il diavolo; questo è il motivo dell’insufficienza.

Carvalho, 5,5: soffre sulla sinistra, soprattutto nel secondo tempo la spinta di Antonini, anche se poi mette molta quantità in termine di corsa. Da rivedere.

Antonsson, 5: Si perde Pazzini sul gol del 3 a 1. Per il resto non è mai sicuro delle giocate che fa.

Cherubin, 6: gli viene fischiato un fallo per un rigore che non c’era; per il resto è sempre abbastanza attento nella marcatura.

Motta, 6: spinge sulla fascia destra e mette alcuni buoni palloni all’interno dell’area.

Taider, 6,5: molta corsa e tanti inserimenti: l’unica pecca e che si mangia un gol nel primo tempo.

Pazienza, 6,5: è l’ago della bilancia del centrocampo bolognese, recupera palloni in gran quantità e li redistribuisce pure con qualità (dal 36′ s.t. Gabbiadini, senza voto).

Guarente, 6: rischia di trovare il gol del vantaggio, per il resto cerca di mettere ordine in una partita molto confusionaria.

Morleo, 6,5: spinge molto sulla fascia con molta corsa e buoni scambi con Diamanti. Deve migliorare nella qualità. (dal 46′ s.t. Abero, senza voto)

Diamanti, 7: il migliore dei suoi. Oltre a guadagnarsi e trasformare il rigore del momentaneo pareggio, ha sempre gli spunti migliori: salta l’uomo con continuità, tira e fa assist. L’uomo che deve prendersi sulle spalle la squadra per tutta la stagione.

Acquafresca, 5: mai pericoloso in avanti, non dà alcuna mano allo scatenato Diamanti. (dal 16′ s.t. Gilardino, 6,5: entra al posto dello spento Acquafresca e si fa notare per alcune buone giocate, fra cui una rovesciata alta di poco). 

All.Pioli, 6,5: schiera un Bologna abbastanza equilibrato che perde per alcuni episodi. Prova a vincere la partita nella ripresa inserendo Gilardino, ma viene tradito da Agliardi.

 

Abbiati, 6: sempre sicuro negli interventi e nelle uscite, un po’ meno quando ha la palla tra i piedi. Sul rigore di Diamanti non può niente.

De Sciglio, 7: questo ragazzo del 92′ è di ottime speranze; corre su e giù per la fascia destra, difende con ordine e propizia il terzo gol di Pazzini. Ha tanto tempo per crescere.

Bonera, 5,5: soffre abbastanza Diamanti che, quando lo punta, lo salta; attento invece nei momenti di maggior pressione del Bologna anche se balla un po’.

Acerbi, 6,5: buona personalità del ragazzo, che esce spesso palla al piede e imposta l’azione. Dal punto di vista difensivo è solido sulle palle alte e non rischia mai. Bella scoperta.

Antonini, 6,5: spinge molto soprattutto nel secondo tempo e da un suo cross nasce il secondo gol del Milan.

Montolivo, 5,5: meglio dell’esordio contro la Sampdoria; purtroppo si infortuna ed è costretto ad uscire alla fine del primo tempo. (dal 41′ p.t. De Jong, 6: da mezz’ala non tocca un pallone, poi nella seconda metà del secondo tempo migliora il suo contributo. Era arrivato da un giorno).

 

Ambrosini, 6,5: aiuta molto la difesa e lotta come un leone a centrocampo. Fondamentale.

Nocerino, 5: il peggiore a centrocampo, falcia in area Diamanti e regala il rigore al bologna; si rifà perchè involontariamente serve l’assist del terzo gol a Pazzini.

Boateng, 6,5: nel primo tempo è uno dei pochi a saltare l’uomo e a tirare; nella ripresa continua ad accelerare e rischia di trovare il gol.

Pazzini, 8,5: segna una tripletta: si procura e trasforma un rigore, segna da uomo d”area sull’errore di Agliardi e poi mette a segno una perla di gran classe con l’esterno. Cosa chiedergli di più per la prima partita da titolare? (dal 46′ s.t. Niang, senza voto).

El Shaarawy, 5,5: ancora in ombra il ragazzino; ha dei colpi da fenomeno e si vede ma deve essere più costante nell’arco della partita. (dal 22′ s.t. Bojan, 6: appena arrivato, quando entra migliora la qualità tecnica del Milan).

All.Allegri, 6,5: è una prestazione di orgoglio più che di qualità, ma in ogni caso motiva molto la squadra; ora nella sosta dovrà lavorare per dare un’identità a questa squadra.

 

(Matteo Lambicchi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori