AC MILAN/ Crudeli: grande occasione per Bojan. Sempre grato al presidente Berlusconi (esclusiva)

- int. Tiziano Crudeli

Per il Milan occorre vincere anche per festeggiare bene il compleanno del presidente Berlusconi. Di questo e di altro ne abbiamo parlato con Tiziano Crudeli, giornalista di fede rossonera.

bojan_milan_r400
Bojan Krkic (Infophoto)

I tifosi del Milan quest’oggi si augurano che la vittoria contro il Cagliari di mercoledì sera non sia stato solo un fuoco di paglia. Per uscire definitivamente dalla crisi serve un risultato positivo contro il Parma di Donadoni, un ex pronto a mettere in difficoltà Allegri. Quest’oggi al Tardini è prevista una partita importante per il Milan, il futuro di Allegri passa da queste giornate, in particolare da quella di mercoledì contro lo Zenit in Champions League e poi dal derby di domenica prossima. Oggi contro il Parma dovrebbe debuttare dal primo minuto Bojan Krkic, attaccante spagnolo prelevato dalla Roma ma di proprietà del Barcellona. Per il 22enne iberico prima partita da titolare, occasione unica per dimostrare il proprio valore. Non ci dovrebbe essere Pazzini che dovrebbe partire dalla panchina, ma per il Pazzo nessuna bocciatura, semplice turnover in vista del delicato match di Champions League contro lo Zenit di Luciano Spalletti. Un attacco giovane e di prospettiva, Allegri ha voglia di sperimentare qualcosa di nuovo per il proprio Milan in vista anche del futuro. Per il Milan occorre vincere anche per festeggiare bene il compleanno del presidente Berlusconi, che cade proprio oggi. Di questo e di altro abbiamo parlato con Tiziano Crudeli, giornalista di fede rossonera, in esclusiva a Ilsussidiario.net.

Prima da titolare per Bojan quest’oggi contro il Parma. Occasione importante per lo spagnolo?

E’ un giocatore interessante che deve dimostrare di meritarsi il posto. Non è certo Messi, altrimenti il Barcellona lo avrebbe tenuto stretto, però è un ragazzo che potrebbe fare bene.

Con lui giocheranno anche El Shaarawy e Boateng, un attacco stile Barcellona non crede?

Ovviamente niente paragoni, però l’atteggiamento tattico dovrebbe essere quello senza una vera punta. Diciamo che sono anche esperimenti in vista del futuro per far esprimere al meglio l’attacco.

Non si può parlare di bocciatura di Pazzini…

Assolutamente no, anche perché mercoledì c’è una grande sfida contro lo Zenit. 

Pazzini però fatica a esprimere il proprio potenziale, è d’accordo?

Si perché Pazzini è un po’ come Inzaghi ha bisogno del supporto della squadra. Fino a questo momento ha ricevuto molti cross ma è stato abbandonato al proprio destino in area di rigore avversaria solo contro due difensori abili nel gioco aereo. Non è facile.

Meglio il 4-3-3 o il 4-2-fantasia che ricorda quello di Leonardo?

Il modulo di Leonardo non portò a nulla di buono. Questo 4-2-4 secondo me crea troppi squilibri a centrocampo.

Eppure con De Jong e Ambrosini centrali dovrebbe esserci copertura…

Si non dico questo, ma nessuno dei due è veloce e quindi potrebbero esserci dei problemi.

Oggi è il compleanno del presidente Berlusconi. Un tifoso milanista dovrebbe essere arrabbiato con lui dopo le ultime campagne acquisti?

Ma non scherziamo, dobbiamo essere grati per i 28 titoli in 26 anni della presidenza Berlusconi. L’unica cosa che mi verrebbe da puntualizzare riguarda le dichiarazioni in cui si dichiarava la conferma dei giocatori migliori della rosa. Così non è stato, ma al presidente bisogna essere sempre grati.

 

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori