Calciomercato Milan/ Giannandrea (Osservatore): Abate rinnoverà. El Shaarawy? Il rischio è… (esclusiva)

In esclusiva per IlSussidiario.net, Giancarlo Giannandrea ha parlato del mercato del Milan e in particolare del possibile addio di Ignazio Abate, terzino rossonero.

Allegri_Abate
Massimiliano Allegri e Ignazio Abate (Infophoto)

In casa Milan si parla soprattutto del futuro di Ignazio Abate, terzino destro rossonero che è in scadenza di contratto con il club di via Turati. Si tratta di un giocatore importante che è in scadenza di contratto e piace soprattutto alla Juventus. I bianconeri infatti vorrebbero puntare sull’acquisto di un calciatore per la fascia laterale e nel mirino c’è Abate, terzino della Nazionale italiana. Si parla anche del futuro di El Shaarawy. In esclusiva per IlSussidiario.net, Giancarlo Giannandrea, direttore sportivo e osservatore del Genoa per la regione Abruzzo, ha parlato del mercato rossonero.

La Juventus ha intenzione di puntare su Abate del Milan. Affare possibile? Mah, ho molti dubbi anche se Abate è in scadenza di contratto e quindi potrebbe davvero andare via.

Non si rischia un altro caso Pirlo? Non credo proprio, il Milan è ancora scottato dal caso Pirlo e poi Abate è un giocatore importante per questo Milan.

Crede che si troverà l’accordo per il rinnovo? L’agente di Abate è Raiola… Io penso che si troverà l’accordo con il giocatore prima di gennaio, dopo sarebbe tardi perché il ragazzo potrebbe trovare un accordo con altre squadre.

Si parla molto del futuro di El Shaarawy. Crede possa andare via? Io ho paura che si possa verificare un altro caso Pato, a gennaio potrebbe anche andare via dai rossoneri.

Dipenderà tutto da Allegri? Dipenderà tutto dalle scelte della società rossonera. Io credo che il Milan abbia fiducia in El Shaarawy forse non Allegri. Solo che a fine stagione potrebbe cambiare la guida tecnica.

Inzaghi è pronto ad allenare il Milan? Inzaghi è un predestinato, altri sei mesi sulla panchina delle giovanili rossonere potrà fargli solo bene.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori