Calciomercato Milan/ José Alberti: Balotelli via a giugno. Inzaghi erede di Allegri ma… (esclusiva)

- int. Josè Alberti

In esclusiva per IlSussidiario.net, José Alberti ha parlato del mercato del Milan e in particolare del futuro di Mario Balotelli che potrebbe andare via a fine stagione.

Balotelli_esordio
Mario Balotelli (Infophoto)

Ultima giornata di campionato senza Balotelli per il Milan di Massimiliano Allegri. I rossoneri affronteranno la Juventus senza SuperMario che sconterà la terza e ultima giornata di squalifica dopo le proteste contro il Napoli. Allegri potrà riavere presto a disposizione Mario Balotelli e la speranza è quella di non dover più vedere alcune scene riguardanti l’attaccante bresciano che dovrà dimostrare di essere cambiato. Qualcuno ha infatti ipotizzato un addio del giocatore in estate. Per parlare di Balotelli ma anche del futuro di Allegri, abbiamo contattato in esclusiva per IlSussidiario.net, José Alberti, noto intermediario di mercato.

Quale è il problema del Milan in questo momento? I rossoneri purtroppo devono fare i conti con i comportamenti di Balotelli che non fanno assolutamente bene alla squadra in tutti i sensi.

Balotelli che continua a sbagliare. Crede che il Milan lo scaricherà prima o poi? Secondo me Balotelli andrà via a giugno, il Milan è stanco dei suoi comportamenti, così come tutto lo spogliatoio.

Dove potrebbe andare SuperMario? In Spagna sicuramente no, la stampa lo massacrerebbe. Secondo me potrebbe tornare in Premier League, magari all’Arsenal di Wenger.

Benzema erede di Balotelli. Scelta giusta? No, Balotelli come calciatore è fortissimo e potrebbe esserlo ancora di più se cambiasse atteggiamento. Benzema è un buon giocatore, niente di più.

Allegri e la panchina del Milan, è l’ultimo anno? Assolutamente sì, Allegri ha ormai fatto il proprio percorso in rossonero e andrà via. 

L’erede designato da tutti è Inzaghi. Anche lei pensa questo? Inzaghi è l’erede designato dalla società, però starei attento alla pista Montella che è sempre molto calda.

(Claudio Ruggieri)





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori