Calciomercato Milan/ Mangia traghettatore? Ecco perché no (esclusiva)

- La Redazione

Secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva da IlSussidiario.net, Devis Mangia è stato contattato dai rossoneri ma il discorso non è stato approfondito per motivi contrattuali

mangia_panchina_under21
Foto Infophoto

Quella di ieri è stata una giornata importante per Massimiliano Allegri, che ha ricevuto l’ennesima fiducia da parte del Milan nonostante le acque agitate in campionato. Lontanissimo il primo posto, lontana la zona Champions League, in difficoltà anche per quanto riguarda la situazione Europa League. Per ora è la zona salvezza la più vicina alla squadra rossonera (+4 sul terzultimo posto). Il Milan però ha confermato Allegri nonostante fossero circolate indiscrezioni di addio, stando alle quali un sostituto poteva essere Devis Mangia. Cosa è successo? Silvio Berlusconi ha davvero voluto continuare con Allegri? Secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva da IlSussidiario.net, il Milan ha pensato seriamente a Mangia che tra l’altro piace molto ad Arrigo Sacchi, ancora vicino al presidente Berlusconi e ad Adriano Galliani. Il problema è che Mangia chiedeva un contratto fino a giugno con opzione per un altro anno, qualora le cose fossero andate bene. Al Milan però volevano solo un traghettatore fino al termine della stagione, visto che per il dopo c’è già un progetto in atto. Berlusconi non vuole precludersi la possibilità di puntare su Clarence Seedorf come allenatore per la prossima stagione: l’olandese ad aprile otterrà la licenza di allenare da parte della Federazione olandese. Si parla anche di Filippo Inzaghi, ma il Milan non vuole bruciare SuperPippo per adesso, ecco perché si è decisi ad andare avanti con Allegri. Certo, se le cose dovrebbero precipitare potrebbe esserci un’altra soluzione, ma il Milan non vuole ingaggiare un altro tecnico per impegnarlo più di sei mesi. Il progetto rossonero, avallato soprattutto da Barbara Berlusconi, che vorrebbe un allenatore giovane in grado di guidare una squadra all’avanguardia. Silvio Berlusconi appoggia questa scelta, anche Galliani, anche se quest’ultimo vorrebbe promuovere Inzaghi al termine della stagione in corso. Mangia per ora rimane al suo posto, sarebbe venuto volentieri al Milan ma per le ragioni citate in precedenza non ha preso parte al progetto.

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori