Calciomercato Milan/ Niang-Bertolacci, lo scambio è servito (esclusiva)

- La Redazione

Secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva da IlSussidiario.net, Milan e Genoa sono pronti a dar vita a uno scambio di calciomercato che potrebbe soddisfare entrambe le squadre

bertolacci_genoa
Foto Infophoto

Adriano Galliani è stato molto chiaro: a gennaio potrebbe arrivare un centrocampista di qualità, non un regista ma un mediano, o una mezz’ala, un giocatore che possa sostituire sia Muntari che Montolivo. Entrambi peraltro saranno squalificati nell’andata degli ottavi di Champions, a San Siro contro l’Atletico Madrid. I rossoneri sono interessati a molti giocatori che giocano in Serie A, oggi è stato fatto il nome di Radja Nainggolan, centrocampista belga del Cagliari che è nel mirino di Juventus e Inter. Ma la strategia milanista non è certo quella di partecipare ad aste, infatti il Milan vorrebbe il giocatore in prestito oneroso a 500 mila euro con diritto di riscatto a giugno. A Cellino questa formula non piace. Il Milan ovviamente guarda anche in altri club per scovare i giocatori giusti. Secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva da IlSussidiario.net, nel mirino del Milan c’è ancora Andrea Bertolacci, un giovane talento italiano che lo scorso anno si è messo in mostra ed è stato seguito a lungo dai rossoneri. Bertolacci, scuola Roma, piace molto al Milan. Quest’anno per lui solo sei presenze in campionato, il primo gol è arrivato contro l’Atalanta nella partita poi finita 1-1. Bertolacci non sembra essere un titolare fisso nei piani di Gasperini, che potrebbe avallare la sua cessione. Specie si il Milan dovesse offrire ai Grifo Mbaye Niang, che con Allegri non gioca mai mentre al Genoa potrebbe ritagliarsi lo spazio necessario per mostrare il proprio talento. Uno scambio che potrebbe fare comodo al Milan anche e soprattutto per la duttilità tattica di Bertolacci, che può giocare come regista ma anche come mezz’ala o come trequartista. Insomma un giocatore polivalente che di certo non dispiacerebbe ad Allegri.

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori