CALCIOMERCATO/ Milan, Ruiu: Kucka nel mirino. Al posto di Allegri? Punto su Donadoni! (esclusiva)

Le continue voci di mercato sul Milan riguardano per lo più giocatori che potrebbero approdare alla corte rossonera per rinforzare il settore difensivo. I suggerimenti di CRISTIANO RUIU

24.03.2013 - int. Cristiano Ruiu
milan_curva_derbyR400
San Siro è caldo: si gioca il derby di Milano (INFOPHOTO)

Le continue voci di mercato, per quanto riguarda il club rossonero, sono molte e sembrano riguardare soprattutto giovani talentuosi. I rossoneri, dopo aver ridisegnato un organigramma societario che pone al centro dell’attenzione il settore giovanile, stanno monitorando alcune nuove promesse anche del campionato cadetto. Certamente la difesa sembra essere il settore per cui dirigenza e tecnico dovranno avere più cura, visti i gol incassati soprattutto nella prima e difficile fase del campionato. Il progetto basato sui giovani parte sotto il migliore degli auspici, ma potranno i rossoneri fare a meno di giocatori d’esperienza per poter affrontare nel migliore dei modi la massima competizione europea? Questa è la grande sfida che attende il Milan della prossima annata. Per parlare delle prospettive future della squadra meneghina abbiamo intervistato, in esclusiva per IlSussidiario.net,  il giornalista sportivo e tifoso rossonero Cristiano Ruiu.

Nella partita del campionato Primavera Cristante è stato autore di uno splendido assist. Qual è il futuro di questo giocatore? Ci sono i margini per portarlo in prima squadra? Ha bruciato le tappe molto in fretta, l’anno scorso Allegri lo ha fatto esordire in Champions League ma a mio avviso era abbastanza esile. Quest’anno è maturato molto ed è cresciuto anche fisicamente. Sicuramente il tecnico toscano lo aggregherà alla prima squadra come ha fatto con De Sciglio. A me piace molto, ha la personalità giusta per giocare nel calcio dei grandi.

Secondo lei il giovane difensore Ghiringhelli, ora in comproprietà col Novara, potrebbe approdare a Milanello la prossima stagione? Ho un ricordo positivo di quando giocava con la primavera del Milan. Tecnicamente era un giocatore molto valido ma dal punto di vista fisico non sembrava ancora pronto per esordire con Allegri. Quest’anno, invece, sta facendo bene in serie B ed ha aumentato anche la massa muscolare. Nella rosa ci potrebbe stare ma non credo sia pronto per fare il De Sciglio della situazione.

A proposito di giovani, abbiamo visto esordire De Feo nell’amichevole col Sion a San Siro… Si, è andato in gol ed è uno che può fare il passaggio in prima squadra nel giro di due anni al massimo, ha un grande potenziale.

Ogbonna potrebbe arrivare a Milano per rinforzare la difesa rossonera? Secondo me non vale la pena: è già avanti con l’età ed è molto costoso. È inutile spendere 10/15 milioni per un giocatore che potrebbe non rendere rispetto alla spesa. Il Milan deve puntare a fare crescere in casa dei giocatori in quel ruolo: De Sciglio potrebbe essere spostato centralmente in futuro. Oppure si potrebbe cercare altre soluzioni in giro per l’Europa.

Per esempio? Penso a Yanga Mbiwa, che se fosse arrivato a parametro zero o a bassissimo costo sarebbe stato un’ottima occasione. Il Milan potrebbe anche puntare su Salamon: un giocatore molto maturo sia dentro che fuori dal campo. Il polacco ora non viene valorizzato, giustamente, poiché potrebbe aumentare il prezzo per riscattare la comproprietà.

Nel caso improbabile Allegri non dovesse centrare l’obiettivo Champions, chi potrebbe arrivare sulla panchina? 

Innanzitutto spero che non parta. Allegri quest’anno ha fatto la sua stagione più bella, anche migliore dell’anno dello scudetto: è rimasto in piedi dopo l’inizio burrascoso e ora è al terzo posto. Penso che se dovesse andare via, il Milan ha il desiderio di puntare su qualche vecchia conoscenza di casa.

Se dovesse fare qualche nome?  Gattuso, Inzaghi o Seedorf; però penso che per i rossoneri sia meglio avere un tecnico già formato con esperienza. Questo è un momento di cambiamento generale non solo nella rosa ma anche nell’organigramma societario, pensiamo ad esempio alla promozione di Dolcetti, su consiglio di Allegri, a coordinatore di tutto il settore giovanile. Se proprio dovesse partire, io andrei dritto su Roberto Donadoni.

Quali sono gli obiettivi di mercato più probabili per il Milan? Sicuramente il centrocampista del Genoa Kucka, un vecchio pallino di Allegri. Per il resto non credo che abbiano in programma di stravolgere la rosa, non credo arriveranno molti acquisti. Il Milan ha anche alcuni giocatori in scadenza di contratto, come Bonera o Zapata, per il quale deve sbrogliare la matassa con il Villareal entro fine anno, uno dei difensori che ha giocato di più di tutti. Insomma dovranno valutare bene chi lasciare andare e chi trattenere in vista del nuovo progetto basato sui giovani.

 

(Mattia Baglioni)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori