CALCIOMERCATO/ Milan, Scognamiglio (ag. FIFA): Seedorf un azzardo, Acerbi un errore, Antonelli… (esclusiva)

In esclusiva a Ilsussidiario.net, l’agente FIFA Fabio Scognamiglio parla del mercato del Milan e in particolare della posizione di Allegri, e della candidatura di Seedorf come successore

26.03.2013 - int. Fabio Scognamiglio
Seedorf_Botafogo
Seedorf (infophoto)

In casa Milan si parla sempre del futuro di Massimiliano Allegri: nonostante il contratto in scadenza nel 2014, non è ancora sicuro di poter restare nella prossima stagione. Il Milan è terzo in classifica e potrebbe anche arrivare al secondo posto, vista la marcia spedita in questo particolare momento. A proposito dei possibili sostituti di Allegri, nel mirino del Milan ci sarebbe anche Clarence Seedorf, giocatore rossonero fino alla scorsa stagione, oggi al Botafogo in Brasile. Sarebbe l’ennesima invenzione di Berlusconi che dopo aver promosso prima Sacchi e poi Capello, vorrebbe fare altrettando con il centrocampista olandese, un allenatore in campo per molti suoi compagni. Per quanto riguarda la rosa, ci sarà da rinforzare il reparto difensivo del Milan, nel mirino c’è sempre Davide Astori nel Cagliari, mentre sulla corsia sinistra occhio a Luca Antonelli. Per parlare del mercato del Milan abbiamo intervistato in esclusiva a Ilsussidiario.net, l’agente Fifa Fabio Scognamiglio.

Massimiliano Allegri deve sentirsi ancora un allenatore in bilico? Sì, perché nonostante questa seconda parte di stagione, che il Milan sta giocando alla grande, niente è stato deciso per quanto riguarda il futuro del tecnico rossonero.

In giro non sembrano esserci sostituti all’altezza… E’ proprio quello che mi porta a pensare a una possibile conferma di Allegri anche nella prossima stagione. Il problema è che Berlusconi non sembra contento dell’attuale tecnico, soprattutto per il discorso legato alle prestazioni in Europa.

Si parla di Seedorf come possibile allenatore nella prossima stagione. Potrebbe essere una scommessa plausibile da parte del presidente? Berlusconi ci ha abituato a questo tipo di scelte, anche se nel caso di Fabio Capello bisogna ricordare che l’attuale c.t. della Russia era già stimato come manager. Nel caso di Seedorf sarebbe un azzardo, anche se si tratterebbe di un grande ex rossonero. Io credo però che Berlusconi non voglia azzardare, vuole ritornare a vincere.

Per questo servirebbe qualche rinforzo in difesa…

Io credo che il Milan abbia sbagliato con Acerbi. Non lo avrei lasciato andare perché si è trovato in un contesto difficile con una squadra in fase d’assestamento che arrancava in campionato. Ora avrebbe fatto comodo.

Con Astori si rischierebbe un Acerbi bis? Può essere anche se il difensore del Cagliari ha una maggiore esperienza rispetto al giocatore del Chievo.

Antonelli può essere un giocatore utile per la fascia sinistra? Sì, quest’anno sta dimostrando che senza infortuni può fare molto bene.

 

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori