CALCIOMERCATO/ Milan, Di Vittorio (ag. FIFA): Seedorf? Meglio un altro ex. E dalla Svizzera c’è…(esclusiva)

L’agente FIFA Adriano Di Vittorio valuta la candidatura di Clarence Seedorf, indicato da più fonti come il prescelto di Berlusconi per la panchina, ed altre situazioni di casa Milan

30.04.2013 - int. Adriano Di Vittorio
seedorf_mudingayi
(INFOPHOTO)

È l’ultimo nome per la successione di Massimiliano Allegri, sulla panchina del Milan. Strano se pensiamo che a gennaio si si era parlato dell’olandese come possibile rinforzo per la rosa rossonera: che sia stata una suggestione o una mezza verità non è dato saperlo, oggi però Seedorf torna a riempire le cronache milaniste. La Curva Sud è stata chiara al riguardo: più rispetto per mister Allegri, come recitava lo striscione esposto contro il Catania. Eppure le fonti vicine al Milan riportano la candidatura di Seedorf come molto seria, soprattutto nella mente del presidente Berlusconi. Chissà se Galliani riuscirà in un altro sforzo per confermare l’attuale allenatore; intanto l’amministratore delegato dovrà pensare a diverse situazioni di mercato, in etrata e in uscita. Aleksandar Dragovic ha disputato un’ottima stagione con il Basilea, segnalandosi come uno dei migliori difensori emergenti del panorama europei: può essere un acquisto all’altezza, per una difesa che dovrà necessariamente essere aggiustata? Mathieu Flamini è in scadenza di contratto ma sta giocando bene: sarà confermato? Pazzini entra e segna dalla panchina, El Shaarawy gioca ed esce col broncio: seguiranno sviluppi di mercato? Abbiamo rivolto queste domande all’agente FIFA Adriano Di Vittorio, nell’intervista esclusiva sul Milan.

Si parla di un possibile arrivo di Seedorf al posto di Allegri. Sarebbe un azzardo? Io credo che Allegri abbia dimostrato un grande carattere nel farsi scivolare addosso le critiche, e soprattutto sia stato bravo a gestire un gruppo che ha perso in estate dei pezzi fondamentali. Seedorf sicuramente si farà come allenatore ma ora non ha l’esperienza. Vedrei meglio anzi un altro ex rossonero.
Chi? Filippo Inzaghi. Sta facendo cose importanti con gli Allievi del Milan, comunque sta facendo esperienza. Passare da un tecnico esperto a uno senza esperienza ce ne passa.
Il Milan per la difesa pensa al giovane Dragovic del Basilea. Talento da Milan? 
Il Milan ha deciso di impostare un mercato fatto di giovani, per questo non acquisterà top players dall’ingaggio importante. Dragovic è un ottimo talento, che però dovrà avere il tempo di ambientarsi nel campionato italiano, che tatticamente è molto difficile.
Flamini vuole riprendersi il Milan a suon di ottime prestazione e gol. Ce la farà? 
Flamini è arrivato al Milan qualche anno fa a parametro zero, con un ingaggio importantissimo. Adesso le cose sono cambiate, è in scadenza di contratto, ma sono sicuro che potrà restare in rossonero visto che sta giocando bene.
Doppietta di Pazzini: un giocatore che potrà essere importante anche in futuro? 

Il Milan ha la fortuna di avere due giocatori come Balotelli e Pazzini, che in area di rigore fanno paura pur se in modi diversi. Pazzini è molto abile nel gioco aereo, rende bene quando una squadra è costruita attorno a lui.

El Shaarawy non segna più: il problema sono le voci di mercato? Assolutamente no, credo che El Shaarawy stia comunque facendo bene aldilà della mancanza del gol. Sarà centrale nel futuro del Milan.

 

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori