CALCIOMERCATO/ Milan, per El Shaarawy c’è anche l’Arsenal, Julio Cesar si offre

- La Redazione

C’è anche l’Arsenal sulle tracce di Stephan El Shaarawy. Pronti 37 milioni di euro per l’attaccante della Nazionale. Intanto rispunta Julio Cesar, portiere in forza al QPR di Londra

ElShaarawy_Atalanta
Stephan El Shaarawy ai tempi del Milan (Infophoto)

CALCIOMERCATO MILAN – Spunta una nuova pretendente per Stephan El Shaarawy, gioiello del Milan e della nazionale italiana, in questo momento a Rio de Janeiro. Dopo il Manchester City, il Napoli e il Paris Saint Germain, ora sarebbe l’Arsenal la squadra più interessata, al punto che, stando ad alcune voci circolanti in Inghilterra, i Gunners avrebbero presentato un’offerta importante da ben 37 milioni di euro. Il club londinese avrebbe a disposizione circa 80/90 milioni di euro da reinvestire sul mercato e vorrebbe spenderne quasi la metà appunto per il Piccolo Faraone. L’Arsenal potrebbe essere inserita in quel gruppo di squadre di cui parlava Galliani l’altro giorno: “Nessun contatto ufficiale ma vi sono molte società che chiamano e si informano…”. Il futuro dell’attaccante italo-egiziano continua a rimanere molto incerto, alla luce anche del recente incontro fra il vicepresidente rossonero e gli agenti di Tevez: che sia il preludio all’addio?

CALCIOMERCATO MILAN – Torna di moda in casa Milan il nome di Julio Cesar. L’estremo difensore della nazionale brasiliana, sbarcato a Londra al QPR dopo una splendida esperienza fra le fila dell’Inter, sarebbe stato proposto ieri ai rossoneri da parte di Kia Joorabchian, il procuratore di Carlitos Tevez. Il noto agente vorrebbe quindi provare a piazzare il guardiano verdeoro in modo da regalare un lasciapassare al club di via Turati. Il Milan per ora ha risposto timidamente visto che con il rinnovo di Christian Abbiati e la promozione del giovane Gabriel a secondo, ha il reparto a completo. C’è da valutare la situazione di Marco Amelia, ma anche in caso di un suo addio il Milan punterà su un portiere non dal nome altisonante semplicemente per una questione di costi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori