Calciomercato Milan news/ Mandato (ag.FIFA): Cristante non parte! Matri, cessione difficile perché…(esclusiva)

- int. Tommaso Mandato

In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Tommaso Mandato ha parlato del calciomercato del Milan e in particolare del possibile addio di Cristante che piace a molti club.

cristante
Bryan Cristante (Infophoto)

Ieri il Milan non solo ha gioito per la doppietta di Kakà, 101 gol in maglia rossonera, ma ha anche avuto la certezza che Bryan Cristante, giovane centrocampista italiano classe ’95, già oggetto delle attenzioni di calciomercato di grandi club, è il futuro del club rossonero e anche dell’Italia intera. Si tratta di un ragazzo molto dotato tecnicamente e con idee precise per quanto riguarda il ruolo di regista. Si è inserito bene e ha subito segnato un gran gol. Di lui e del calciomercato del Milan ne abbiamo parlato con l’agente Fifa Tommaso Mandato in esclusiva per IlSussidiario.net. 
Il Milan scopre il talento di Cristante. Sorpreso? Assolutamente no, questo è un giovane talento dal futuro assicurato. E’ un calciatore di prospettiva che farà bene al calcio italiano e non solo.
Cristante piace a molti club italiani, potrebbe andare via? Non credo che il Milan voglia mandare via questo ragazzo, credo che resterà fino al termine della stagione. Un elemento in più per Allegri.
Magari sarà lui il colpo di calciomercato per il centrocampo del Milan? Andiamoci piano, è pur sempre un ragazzo di talento ma non credo sia giusto addossargli tante responsabilità.
Matri è uscito tra i fischi di San Siro. Il pubblico lo ha già ceduto vero? Purtroppo sta vivendo un’involuzione assurda, paga il fatto di non fare gol. Un vero peccato per il ragazzo.
Potrebbe andare via nel calciomercato di gennaio? Credo di no per un motivo molto semplice, Matri ha un ingaggio importante ed è difficile che possa essere collocato in qualche altro club.
Cosa servirebbe al Milan?

 Io sono convinto che oltre a Rami servirebbe un altro difensore per dare maggiore sicurezza.

 

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori