Calciomercato Milan/ News, Pezzuto (ag. FIFA): Honda, un esempio per tutti. Balotelli-Torres, ha vinto lo spogliatoio (esclusiva)

- int. Gianpaolo Pezzuto

Calciomercato Milan news, in esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente FIFA Gianpaolo Pezzuto ha parlato del calciomercato rossonero e in particolare della situazione di Honda.

BalotelliReds
(INFOPHOTO)

Il Milan ha scoperto di avere un Keisuke Honda davvero importante. Attualmente il giapponese è il capocannoniere rossonero (4 gol nelle prime sei giornate) con Jeremy Menez un passo indietro, anche se il francese è uno dei principali trascinatori della squadra di Pippo Inzaghi. I tifosi del Milan aspettano di vedere il vero Fernando Torres, ovvero il centravanti in grado di fare la differenza sempre e comunque ai tempi del Liverpool. In esclusiva per Ilsussidiario.net, l’agente FIFA Gianpaolo Pezzuto ha parlato del calciomercato Milan.

Il Milan scopre il vero Honda: si aspettava un rendimento così importante del giapponese? Credo che Honda sia un calciatore esemplare sotto il punto di vista professionale. Molti giocatori dovrebbero prendere esempio da lui.

Perché? E’ arrivato lo scorso anno ed è stato sommerso di critiche anche feroci e ingiuste, oggi sta rispondendo a tutti mostrando tutte le sue qualità. Ha sempre creduto in sé stesso.

El Shaarawy dovrebbe fare così? Quante critiche anche per il Faraone che viene da un anno di problemi fisici. Però dovrà correre tanto perché non è mai facile togliere il posto a Menez e Honda.

Anche De Sciglio non se la passa bene… Bisogna aspettare questi ragazzi altrimenti rischiamo che dall’estero ci rubano i nostri giocatori più talentuosi lasciandoci ancora con tanti rimpianti.

Il Milan sta aspettando Torres: non era meglio aspettare l’italiano Balotelli? Situazione diversa, credo che in questa situazione abbia contato molto lo spogliatoio, Balotelli è stato scaricato un po’ da tutti.

Torres ritornerà quello di prima? Dipenderà molto da lui, però si vede che è un giocatore professionista che ha voglia di fare bene.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori