Calciomercato Milan/ News, Tedeschi (ag. FIFA): Nani come Menez, troppe scommesse. Perché non riprendere Taarabt? (esclusiva)

- int. Giulio Tedeschi

Calciomercato Milan news, in esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente FIFA Giulio Tedeschi, esperto di calcio inglese, ha parlato del calciomercato rossonero e dei possibili colpi

nani_guanti
Nani (infophoto)

Il Milan ha rimesso nel mirino Nani, esterno portoghese del Manchester United che Van Gaal ha messo ufficialmente sul calciomercato. Nani potrebbe essere l’esterno giusto per completare l’attacco di Filippo Inzaghi ma ovviamente lo United non vuole svalutare il cartellino dell’esterno lusitano. Intanto il Galatasaray ha messo nel mirino Balotelli. In esclusiva per IlSussidiario.net l’agente FIFA Giulio Tedeschi, esperto di calcio inglese, ha parlato del calciomercato rossonero.

Il Milan ritorna su Nani. Che pensa di questa operazione? Credo che l’operazione Nani sia molto strana, non capisco perchè il Milan voglia puntare su un giocatore discontinuo che comunque non costerà pochissimo.
Tra l’altro ci sarebbe il problema ingaggio… Nani sa bene che in Italia non può certo avere grossi ingaggi per questo dovrebbe dimezzarsi di tanto il proprio stipendio. Ma non mi convince, anche lui è una scommessa.
Dopo Menez anche Nani. Troppe scommesse? Il problema è proprio questo, Menez e Nani sono due giocatori molto simili come personalità, troppi discontinui. Il Milan dovrebbe riportare Taarabt a questo punto.
Come mai non ha riscattato il marocchino? Taarabt ha fatto benissimo in Italia, io credo che il Milan voglia aspettare ancora un po’ per far scendere il prezzo del cartellino del giocatore.
Balotelli richiesto dal Galatasaray: affare possibile? Non credo a questo affare visto che il tecnico del Galatasaray è quel Prandelli che ultimamente non è stato molto tenero con SuperMario.
Come mai ci sono queste voci sul futuro di SuperMario? Spesso possono essere invenzioni giornalistiche, altre volte invece il mittente potrebbe essere più vicino di quanto si pensi.
(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori