Calciomercato Milan/ News, Pomponio (ag.FIFA): che errore con Taarabt. Honda vice Montolivo (ESCLUSIVA)

Calciomercato Milan news: in esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente FIFA Marco Pomponio parla della squadra rossonera e in particolare di alcuni giocatori, come Keisuke Honda

24.07.2014 - int. Marco Pomponio
honda_masiello
Keisuke Honda, prima stagione con la maglia del Milan (Infophoto)

Il Milan ha intenzione di puntare su un esterno d’attacco, i rossoneri non punteranno su Taarabt che è stato in maglia rossonera fino a giugno. Il Milan non è riuscito a prendere Criscito visto che i rossoneri prima di acquistare vogliono cedere qualche giocatore soprattutto Robinho. In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente FIFA Marco Pomponio ha parlato del calciomercato del Milan.
Inzaghi dice no al ritorno di Taarabt. E’ un errore secondo lei? Assolutamente sì, Taarabt è un giocatore da San Siro, ha dimostrato di essere un calciatore importante e meriterebbe di tornare.
La sensazione è che il calciomercato del Milan al momento sia bloccato dalle cessioni… Assolutamente sì, prima di acquistare bisognerà cedere i giocatori in esubero, altrimenti ogni trattativa rischia di naufragare.
Come quella di Criscito… Esatto, anche se acquistare un giocatore dalla Russia è davvero una cosa difficile, lo abbiamo visto lo scorso anno con Honda. Il giapponese era in scadenza di contratto e questo ha aiutato il Milan, ma la trattativa è stata comunque complicata.
Crede che Honda potrebbe andare via? No non credo che Honda possa lasciare il Milan, Inzaghi può decidere di rivalutare il calciatore nipponico.
In che ruolo secondo lei? Secondo me a centrocampo sarebbe perfetto uno come Honda, un giocatore molto tecnico capace di aumentare la qualità della rosa rossonera. In posizione più centrale potrebbe rendere di più rispetto a quando parte defilato.
Senza Montolivo servirebbe un giocatore di qualità non crede? Decisamente, Montolivo è uno dei giocatori più qualitativi del centrocampo del Milan, Honda sarebbe perfetto in quel ruolo.

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori