Calciomercato Milan / News, Bevacqua (ag. FIFA): Rabiot-Sergi Roberto, sceglie Inzaghi (ESCLUSIVA)

- int. Cataldo Bevacqua

Calciomercato Milan news: in esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente FIFA Cataldo Bevacqua parla di alcuni obiettivi della società rossonera, da Alessio Cerci ad Adrien Rabiot

rabiot_reinartz
Adrien Rabiot, 19 anni (infophoto)

Il Milan sogna per questo finale di calciomercato Alessio Cerci ma il giocatore del Torino costa davvero troppo per i rossoneri. Per questo in casa Milan si pensa al ritorno di un giocatore come Adel Taarabt, il prezzo sarebbe sicuramente inferiore a quello di Cerci. Intanto sul fronte giovani talenti, il Milan ha deciso di puntare su Sergi Roberto e Rabiot, entrambi in scadenza nel 2015 con Barcellona e Psg. In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente FIFA Cataldo Bevacqua ha parlato del calciomercato del Milan.

Il Milan ha intenzione di puntare su un esterno d’attacco. Il sogno è Cerci… Cerci è il sogno ma non sarà affatto facile visto che il Torino chiede tanto. Per questo si riparla di un ritorno di Taarabt.

O Cerci o Taarabt vero? Assolutamente sì, se dovesse tornare Taarabt il Milan non prenderebbe Cerci, a Inzaghi serve un solo esterno per completare il reparto offensivo.

Cosa potrà fare il Milan sul fronte difesa? Secondo me ci saranno alcune cessioni visto che in questo momento in difesa ci sono troppi giocatori, ovviamente dipenderà molto da quello che vorrà fare Inzaghi.

Per il centrocampo il sogno è Rabiot… Il giovane francese è sicuramente un talento incredibile e tra l’altro è ancora in scadenza tra un anno, quindi credo che potrebbero esserci spiragli per il suo acquisto. Soprattutto finchè non rinnova.

Sarebbe un innesto di qualità vero? Un grandissimo innesto per il centrocampo del Milan, i rossoneri hanno bisogno di qualità in mezzo al campo.

Anche Sergi Roberto è nel mirino dei rossoneri… Il talento del Barcellona ha la stessa situazione contrattuale di Rabiot, dipenderà anche da quello che vorrà fare Inzaghi.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori