Calciomercato Milan/ News, Cristante: qui mi hanno voluto, e gioco la Champions. Notizie all’8 e 9 settembre (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Milan, il giovane talento del Benfica, Bryan Cristante, ceduto dai rossoneri negli scorsi giorni, ha rilasciato un’intervista a VivoAzzurro: ecco le sue dichiarazioni

cristante
Bryan Cristante (Infophoto)

La cessione di Bryan Cristante da parte del Milan durante il calciomercato estivo, è stata senza dubbio una delle partenze più dolorose dell’intera Serie A. Il Diavolo sembrava volesse credere molto nel talentuoso regista, ma alla fine il ragazzo è stato girato a titolo definitivo al Benfica in cambio di un assegno da 6 milioni di euro. L’ex rossonero è uscito nelle scorse ore allo scoperto, e intervistato dai microfoni di VivaAzzurro sembra voler mandare delle frecciatine al Milan: «Il Benfica? Mi hanno voluto e l’ho ritenuta una ottima soluzione: è una squadra con molta storia, disputa la Champions League e in Portogallo è sempre tra le prime tre. Il numero 24? Era quello che avevo al Milan, era libero e ho continuato con quello».

Si chiude forse definitivamente il caso di calciomercato con protagonista Giacomo Bonaventura. Per chi si fosse perso qualche puntata, l’esterno d’attacco del Milan sembrava destinato all’Inter l’ultimo giorno di trattative, ma i rossoneri con un blitz si sono assicurati l’ex Atalanta dopo che il colpo Biabiany è decaduto definitivamente. Ieri l’amministratore delegato rossonero, Adriano Galliani, a margine della prima tappa del Milan Charity Golf Tour, ha confessato: «Bonaventura? Nessuno ha detto niente di male. Ha ragione Ausilio. Noi stavamo prendendo Biabiany e non potevamo prendere sia lui che Bonaventura. Noi siamo andati su Jack quando è saltato Biabiany-Zaccardo». E l’ex atalantino sembra essersi inserito subito alla grande nei nuovi schemi di mister Inzaghi: «È vero che Pippo mi ha parlato molto bene di Bonaventura, dice che è molto eclettico e che può far bene». Anche il tifo rossonero lo spera…

Torna a parlare l’amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, e lo fa in occasione della premiazione della prima tappa del “Milan Charity Golf Tour”. Il numero due di via Aldo Rossi ha commentato così il recente mercato estivo: «Prendiamo bravi ragazzi perché siano da modello ed esempio». Chiaro il riferimento indiretto a Mario Balotelli, (storicamente un “bad boy”), e allo sbarco a Milanello di calciatori dalla “faccia pulita” come ad esempio Torres, Bonaventura, Van Ginkel e via discorrendo. Del resto Super Mario era stato bollato subito come “mela marcia” da parte del presidente Silvio Berlusconi, e appena potuto il numero uno di via Aldo Rossi ha deciso di sbarazzarsi dell’attaccante bresciano, per cambiare definitivamente faccia alla sua squadra.

E’ interessante il retroscena di mercato che racconta Gianluca Di Marzio negli studi di Sky Sport. Secondo quanto riportato dall’esperto di mercato pare che sia stata l’Atalanta a contattare il Milan per Giacomo Bonaventura, dopo che l’Inter si era tirata indietro. Dopo questo contatto Adriano Galliani avrebbe chiamato Filippo Inzaghi per chiedere un parere tecnico sul giocatore poi acquistato.

L’ex centrocampista del Milan Stefano Eranio ha parlato a MilanNews.it degli acquisti fatti dal Milan in questo mercato: “Per quello che la società aveva a disposizione penso che si siano ottimizzate le risosre. L’arrivo di Fernando Torres e Alex poi Zapata che è tornato rigenerato dal Mondiale. Bonaventura è uno dei migliori emergenti del palcoscenico italiano. Con questi acquisti credo che abbiano fatto il massimo che potevano. I giocatori mi sembrano molto validi, anche Menez è un talento ma deve ancora dimostrare continuità di gioco. Torres è un giocatore umile e ha grandi qualità sia tecniche che umane. Negli ultimi anni non è stato tenuto molto in considerazione. Al Chelsea ha fatto tanta panchina. E’ un diesel e ha bisogno di giocare per trovare la forma giusta. Ha bisogno della fiducia del tecnico e della piazza. Da allenatore dico che uno come lui lo vorrei sempre“. I rossoneri hanno iniziato bene questa stagione con un risultato importante ottenuto contro la Lazio a San Siro. Ora però serve ripetersi perchè poi alla terza al Meazza arriverà la Juventus Campione d’Italia.

Fra i grandi colpi del calciomercato estivo di Serie A da poco conclusosi, vi è anche l’arrivo di Fernando Torres al Milan. L’ad rossonero Adriano Galliani è riuscito ad assicurarsi il Nino senza neanche spendere un euro, nella speranza che il bomber spagnolo possa tornare quello di Liverpool. La pensa però diversamente Marco Lanna, ex calciatore di Roma e Sampdoria, che interpellato dai microfoni di SerieAddicted.com ha detto la sua sull’arrivo dello spagnolo, storcendo il naso: «Una società come il Milan non può non regalare un grande nome alla propria piazza, al di là dell’effettiva utilità del giocatore. Torres è un bel nome, arriva da una squadra come il Chelsea, quindi rientra nei parametri dei rossoneri. Fosse stato per me, dovendo fare un investimento di questo tipo, avrei puntato più su Drogba, che a differenza di Torres è un lottatore e un trascinatore. Lo spagnolo lo vedo bene in un contesto in cui tutto funziona perfettamente, e non nel Milan di oggi. Poi le decisioni sono prese da persone che conoscono la situazione meglio di me».

Il neo-acquisto di casa Milan, Marko Van Ginkel, si allenerà per la prima volta a Milanello con i nuovi compagni, nella giornata di domani. Visti gli impegni con la nazionale olandese Under-21, il talentuoso orange non ha ancora potuto assaporare la magica aria del centro sportivo di Carnago, ma l’attesa finirà fra poche ore. Pippo Inzaghi potrà avere a disposizione il centrocampista di proprietà Chelsea in previsione del match contro il Parma in programma nel weekend. Il Milan, ricordiamo, si è assicurato Van Ginkel con la formula del prestito gratuito annuale, visto che il Chelsea non ha assolutamente voluto cedere a titolo definitivo il promettete calciatore olandese.

Fra i vari giocatori che hanno lasciato il Milan in occasione del calciomercato estivo, vi è anche Antonio Nocerino. Il centrocampista rossonero è stato tra i primi a fare le valigie, visto che all’inizio di luglio è stato raggiunto l’accordo con il Torino per un trasferimento in prestito. Un’opportunità ghiotta, come svelato da Marco Sommella, l’agente dell’ex Palermo, interpellato dai microfoni di Tuttomercatoweb: «Ha un’occasione importante per rilanciarsi. È andato in un club su misura per lui, Ventura lo può mettere a suo agio. Il Torino lavora bene, ha superato bene il girone di qualificazione in Europa League. Spero possa rilanciarsi e che torni il giocatore visto qualche anno fa. Magari riconquista la Nazionale come accaduto a Quagliarella». Il contratto di Nocerino con il Milan scadrà al 30 giugno del , fra circa due anni, ma è logico pensare che se l’esperienza a Torino dovesse risultare positiva, le due società non dovrebbe far fatica a raggiungere un accordo per una cessione a titolo definitivo.

Sono interessanti i retroscena svelati dalla Gazzetta dello Sport su M’Baye Niang. Sembra che Galliani abbia avuto un colloquio con il calciatore, in presenza della madre, nel quale il calciatore avrebbe promesso di diventare un professionista serio e di pensare solo al calcio giocato. In più avrebbe promesso di non prendere Philippe Mexes come unico esempio professionale per il futuro. Il calciatore, a lungo sul mercato, è stato tolto dalle possibili cessioni proprio in virtù di questa chiacchierata. Vediamo se rispetterà i patti.

Mattia De Sciglio è uno dei talenti più luminosi della rosa del Milan. Messo in luce anche in Nazionale prima da Prandelli e ora da Conte è divenuto un pezzo molto richiesto dal mercato. Per questo i rossoneri dovranno stare molto attenti dagli attacchi esterni. Ne abbiamo parlato con l’agente Fifa Pietro Chiaradia (Clicca qui per leggere l’intervista completa).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori