Video/ Alessandria-Milan (0-1): gol e highlights della partita. L’entusiasmo dei tifosi di casa (Coppa Italia 2015-2016, semifinale andata)

- La Redazione

Video Alessandria-Milan 0-1: gol e highlights della partita di Coppa Italia disputata martedì 26 gennaio 2016 allo stadio Olimpico Di Torino, decisa da un gol di Balotelli su rigore

balotelli_pelato
(INFOPHOTO)

Un entusiasmo smisurato quello dei 20 mila tifosi dell’Alessandria che ieri all’Olimpico di Torino hanno assaportato il grande calcio nella semifinale d’andata di Coppa Italia contro il Milan di Balotelli. Il risultato finale è stato a favore dei rossoneri con il gol su rigore di SuperMario ma la festa non è stata rovinata, anzi, al ritorno a San Siro ci sarà l’invasione dei “grigi”. Anche ieri tanti cori a favore dell’Alessandria che comunque ha fatto la sua bella figura contro una squadra di Serie A.

Pre-partita tra Milan e Alessandria, negli studi di Rai Sport ci sono Bruno Gentili e Katia Serra. Il primo è un telecronista e radiocronista di lunga esperienza che chiamato a dare un pronostico sul match tra Alessandria e Milan compie una grande gaffe: “Tre a tre poi supplementari e calci di rigore così ci divertiamo tutti“. Un’incredibile gaffe visto che la semifinale di Coppa Italia si gioca tra andata e ritorno. Una gaffe che è diventata virale sul web dove tutti hanno ripreso il giornalista Rai.

E’ un Sinisa Mihajlovic decisamente contrariato quello che si presenta ai microfoni di Rai Sport al termine del match tra Alessandria e Milan nella semifinale d’andata vinta dai rossoneri per uno a zero con il gol di Balotelli su rigore. Il tecnico si arrabbia con il giornalista di Rai Sport che gli fa notare la pessima prova di Luiz Adriano che forse è rimasto in aereo (il brasiliano è stato ad un passo dalla Cina). Mihajlovic sbotta: “Questa non è una domanda ma una presa per i fondelli” accusa l’allenatore serbo. Un siparietto poco elegante che fortunatamente è finito dopo poco tempo.

L primo round della semifinale di Coppa Italia tra Alessandria e Milan se lo aggiudica la formazione di Mihajlovic, che all’Olimpico di Torino batte di misura quella di Gregucci per 1 a 0 e prenota così il pass per la finalissima di maggio.

A inizio gara i grigi provano a incutere timore ai rossoneri con un pressing asfissiante sui portatori di palla, ma col passare dei minuti la formazione di Mihajlovic prende l’iniziativa e dirige le danze in mezzo al campo. All’Alessandria non resta che difendersi a pieno organico, chiudendo bene tutti gli spazi e non permettendo agli avversari di arrivare al tiro in porta. La squadra di Gregucci si rende pericolosa solamente in un frangente, con il destro di Marconi che si spegne di poco a lato. Il Milan – non particolarmente brillante quest’oggi – prova a premere sull’acceleratore e sfiora il gol con Balotelli che, innescato da Honda, sbaglia praticamente un rigore in movimento non riuscendo a depositare in rete un pallonetto che non entra in porta. Tuttavia, poco prima dell’intervallo, arriva l’episodio che sblocca un match finora bloccato: l’Alessandria con Marras perde un brutto pallone nella propria metà campo, Antonelli entra in area e viene atterrato da Morero: l’arbitro Irrati indica il dischetto. Dagli undici metri, Balotelli questa volta non sbaglia e spiazza Vannucchi per l’1-0 rossonero. Il primo tempo, praticamente, si chiude qui.

Ad inizio ripresa, Honda (pescato da Balotelli) sfiora il raddoppio con il suo tiro che – a portiere battuto – viene deviato di testa da un avversario. Gregucci capisce che è arrivato di mandare in campo Bocalon, il cannoniere dell’Alessandria: il suo impatto sul match sarà indubbiamente positivo, i grigi attaccano con più convinzione e si rendono più pericolosi, provocando i malumori di Mihajlovic, per nulla soddisfatto dalla prestazione dei suoi. Il tecnico serbo decide dunque di correre ai ripari inserendo Montolivo, Niang e Kucka al posto di José Mauri (prova non positiva per lui), Balotelli (a corrente alternata, nonostante il gol) e Boateng. Nel frattempo al Milan viene annullato un gol per il fuorigioco dello stesso Niang, in traiettoria sul tiro di Poli che, grazie a una deviazione, era entrato in porta scavalcando Vannucchi. Nelle fasi conclusive, con i giocatori dell’Alessandria sulle gambe per le tante energie profuse, Niang si mette nuovamente in evidenza, il centravanti francese in contropiede colpisce il palo graziando l’Alessandria, lo 0-2 avrebbe rappresentato il colpo di grazia per i grigi in vista del ritorno in programma al Meazza il prossimo marzo. In ogni caso, i ragazzi di Gregucci sono riusciti a limitare i danni e ora hanno ancora qualche chance di giocarsela, anche se ovviamente il Milan avrà tutti i favori del pronostico.

Il tecnico dell’Alessandria, Angelo Gregucci, ai microfoni di Rai Sport: “Siamo orgogliosi di aver potuto rappresentare la città di Alessandria e il calcio minore in semifinale di Coppa Italia, abbiamo cercato di fare del nostro meglio in campo sul piano sportivo e del comportamento, per questo voglio ringraziare di cuore i ragazzi e tutto lo staff. Il risultato non ci ha premiato, ma una piccola speranza per il ritorno c’è, anche se ovviamente non possiamo competere sul piano tecnico con una squadra attrezzata come il Milan. Speriamo di aver regalato qualche emozione al pubblico sugli spalti e da casa“.

Il tecnico del Milan, Sinisa Mihajlovic, ai microfoni di Rai Sport: “Sono soddisfatto a metà: abbiamo vinto, ma non siamo riusciti a chiudere il discorso per la qualificazione in finale fallendo due volte l’occasione di raddoppiare. Ora dobbiamo aspettare marzo per chiudere il discorso, da domani cominceremo a preparare meticolosamente il derby. Balotelli? Ha bisogno di accumulare ancora altri minuti nelle gambe, il posto da titolare se lo deve meritare“. (Stefano Belli

Video non disponibile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori