MOTOGP SEPANG/ Valentino Rossi: complimenti a Jorge, merita di essere campione

- La Redazione

Rossi ritorna alla vittoria, e che vittoria, proprio nel giorno che il suo acerrimo rivale, nonché compagno di squadra Lorenzo, gli strappa il titolo mondiale. Questo è il successo n° 46 per Valentino in sella alla Yamaha

Rossi_yamaha_R375

Dopo il warm-up del mattino sembrava che Rossi avesse trovato il giusto set up per la sua M1 su una pista come quella di Sepang da sempre prediletta dal campione. Poi la partenza sembrava aver rovinato tutto quello di buono fatto. Undicesimo alla prima curva. Ma valentino, da subito, ha capito che il ritmo per andare a prendere i due fuggitivi era quello giusto e, a suon di sorpassi, la furibonda rimonta è riuscita. Una volta arrivato negli scarichi della M1 di Lorenzo ci si attendeva un duello tipo Motegi. Ma il pilota spagnolo ha pensato al titolo e non ha risposto ad un Rossi, oggi, messo meglio.

Tolto di mezzo Jorge, Valentino ha passato pure Dovizioso che però non si è dato per vinto e si è pure riportato al comando, seppur per un solo giro. Alla fine Valentino si è ripreso la prima posizione e l’ha mantenuta fino alla bandiera a scacchi. Con questo successo Rossi a portato a 46 le vittorie con i colori della Yamaha, numero che riveste un significato speciale per Valentino

 

Valentino Rossi: "Questo è un momento meraviglioso per me, sono così felice di aver vinto in questo modo e conquistare la mia 46a vittoria con la Yamaha sulla “mia” M1. E’ stata uno delle mie peggiori partenze e all’inizio ero veramente preoccupato, ma dopo poche curve ho capito che potevo andare a vincere, perché la mia moto oggi era grande grazie ad un piccolo cambiamento che abbiamo fatto nel warm-up: l’idea di Jeremy ha funzionato davvero! Ho guidato molto bene ed è stata una gara fantastica, una delle migliori della mia carriera credo. Volevo tanto questa 46a vittoria perché come tutti sanno si tratta di un numero speciale per me! Grazie al mio team perché tutti hanno lavorato duramente in questo weekend e credo che questo sia un rimborso grande per tutti. Vincere in questo modo, da 11 ° alla prima curva, è una grande sensazione. Infine voglio fare i complimenti alla Yamaha e a Jorge: è stato veloce per tutta la stagione, in tutte le piste e in tutte le condizioni e lui merita di essere campione del mondo ".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori