MOTOGP ESTORIL/ Loris Capirossi: torno per ripagare i ragazzi del mio team

- La Redazione

Acciaccato, dolorante e con una frattura al piede: ma nonostante ciò Loris Capirossi scenderà in pista in sella alla sua Suzuki nel Gran Premio del Portogallo

Capirossi20prewEstoril_R400

Loris Capirossi parteciperà al Gran Premio del Portogallo questo fine settimana nonostante gli sia stata diagnosticata una frattura al piede destro procurata in Malesia, oltre all’infortunio all’inguine dell’ultimo fine settimana in Australia. Dopo il brutto incidente nelle qualifiche e l’infortunio all’adduttore, il pilota italiano del team Rizla Suzuki è tornato in Europa prima della gara di Phillip Island. Capirossi è stato in ospedale per dei controlli e per una radiografia al piede per capire il motivo del dolore persistente. La radiografia ha rilevato una frattura composta del cuboide, due micro fratture al quarto osso metatarsale e gravi contusioni alle ossa del calcagno e all’osso cuneiforme laterale. Nonostante il dolore, Capirossi è determinato a partecipare alla gara di questo fine settimana in Portogallo.

Ecco le dichiarazioni di Loris Capirossi. “È stata una delusione scoprire di avere il piede fratturato, ma la cosa non m’impedirà di correre, perché in Australia stavo bene e non ho avuto troppi problemi, anzi è più facile stare in sella che camminare! Anche il muscolo della coscia va molto meglio. Non vedo l’ora di tornare in pista per offrire qualcosa ai miei ragazzi per tutta la pazienza che hanno avuto e tutto il loro lavoro e impegno nel corso di tutta la stagione, soprattutto dopo tre fine settimana difficili come quelli in Asia che non ci hanno portato che danni e dolore. La Suzuki e il team si sono comportati bene con me e vorrei dimostrare loro che sono qui per dare il massimo e per competere con i migliori.”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori