MOTO GP ESTORIL/ Andrea Dovizioso: lotterò ancora per un posto sul podio

- La Redazione

Andra Dovizioso, dopo lo stop forzato in Australia, guarda con fiducia alla tappa dell’Estoril, dove l’obiettivo è, ancora una volta, il podio

Dovizioso_prewEstoril_R400

Moto Gp, Andrea Dovizioso, Estoril – Andrea Dovizioso, nonostante il ritiro in Australia per il problema allo sterzo della sua  Honda RC212V, è ancora in lotta per il terzo posto nel mondiale 2010. Il 24enne italiano, attualmente è quinto, a soli 14 punti da Valentino Rossi e a 26 da  Stoner. Dovizioso ha messo in mostra, nei due turni precedenti Phillip Island, un’ottima forma facendo segnare due secondi posti a Motegi e Sepang. Nonostante un 2010 ancora senza vittorie, l’ex Campione del Mondo della 125 ha dimostrato in quelle occasioni di avere il passo, di Stoner a Motegi e di Rossi a Sepang. Che Estoril sia la volta buona?
 
Queste le sue dichiarazioni piene di fiducia “Abbiamo la testa al Gran Premio del Portogallo dove andiamo con molta fiducia e penso che possiamo ottenere un buon risultato a Estoril. Abbiamo avuto due gare buone, il secondo posto in Giappone e Malesia, e avremmo potuto fare un altro podio anche in Australia, quindi non c’è ragione di aspettarsi nulla di meno in questo weekend. So che siamo competitivi in Portogallo e siamo determinati a fare una buona gara e a lottare per un altro posto nella top tre finale.

 

Estoril è una pista dove ho ottenuto alcuni buoni risultati in passato e, anche se ho fatto settimo l’anno scorso, questo non è stato indicativo del nostro potenziale. Il circuito è abbastanza difficile perché la struttura è lenta e stretta, il che rende il controllo della potenza di una moto da MotoGP una sfida importante. Questo significa anche che è veramente decisivo poter comprendere le caratteristiche della pista molto bene per trovare un buon compromesso con il set up della moto. Faremo un uso completo del turno di prove supplementari  il venerdì mattina e non vediamo l’ora di fare queste due ultime gare della stagione ".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori