MOTO GP ESTORIL/Dani Pedrosa: la spalla è migliorata. Corro? Chisssà…

- La Redazione

Dopo il ritiro in Australia, a causa del dolore alla clavicola fratturata, Dani Pedrosa ritenta di nuovo il rientro in Portogallo per difendere il secondo posto in classifica.

Pedrosa20prewEstoril_R400

MOTO GP ESTORIL – A Estoril, a 30 km dalla capitale del Portogallo di Lisbona, la Honda è di nuovo al completo con il ritorno di Dani Pedrosa. Lo spagnolo, che ha rotto la clavicola sinistra in un incidente nel Gran Premio del Giappone il 1 ottobre, ha tentato di partecipare alla gara in Australia il 17 ottobre, ma ha dovuto ritirarsi per il troppo dolore alla spalla. Ora il pilota spagnolo è pronto a stringere i denti e a scendere in pista all’Estoril per raggiungere il suo obiettivo, vale a dire mantenere il secondo posto nella classifica piloti. Il Giappone è stato un duro colpo per Dani che con due vittorie e due secondi posti in quattro gare aveva chiuso il divario su Jorge Lorenzo.

Poi tre gare saltate e ora ha solo 23 punti di vantaggio sul Campione del Mondo 2007 Casey Stoner. Ecco le dichiarazioni di Dani Pedrosa. “Torno in pista questo weekend a Estoril e, in linea di principio, la situazione dovrebbe essere molto migliore di quanto lo fosse per me in Australia. Il circuito di Estoril non è così esigente come Phillip Island e questo dovrebbe aiutarmi a sentirmi più a mio agio sulla moto. In più ho avuto più tempo per recuperare e anche questo dovrebbe aiutarmi.

“Questo tipo di infortunio ha bisogno – continua il motociclista di tempo per guarire e con altre due settimane di riposo non vedo l’ora di vedere quanto la spalla sia migliorata. Sono andato a farmi visitare dal medico martedì scorso per rimuovere i punti e ho fatto un po di riabilitazione lavorando sui muscoli per avere più forza, ma non sarò in grado di giudicare appieno quanta differenza c’è finché proverò la moto nella mattinata di venerdì. Inoltre, e penso che ciò possa essere positivo per me, ci saranno di nuovo due sessioni di prove libere il venerdì. In termini di guida, il tracciato dell’Estoril dispone di alcune aree con brusche frenate, è una pista sconnessa, ma il fatto che abbia più curve a destra che a sinistra può essere buono per noi. Quindi, non vedo l’ora di arrivarci con la mia squadra e vedere come mi sento. "

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori