MotoGP/Jorge Lorenzo: si è avverato un sogno! Vincere una gara della MotoGP in Spagna

- La Redazione

Jorge Lorenzo si gode la sua prima vittoria nella sua terra natale nella MotoGP. E anche il primato in classifica.

Lorenzo-podio-Jerez_R375

Vincere in Spagna, battendo il suo connazionale Dani Pedrosa e soprattutto Valentino Rossi. In una giornata memorabile per lo sport spagnolo che ha visto trionfare i suoi piloti in tutte tre le classi. Espargaro in 125, Toni Elias in Moto2 e, appunto, Lorenzo in MotoGP. Con una gara tutta in rimonta, per giunta. E per il pilota di Palma di Maiorca, in più, c’è il sorpasso in classifica ai danni di Rossi. Dopo la prova di forza odierna, Lorenzo diventa uno dei favoriti per la vittoria finale, ma la cosa non deve sorprenderci. Lo è stato anche lo scorso anno.

Jorge Lorenzo:

“È sempre stato uno dei miei sogni poter vincere una gara della MotoGP in Spagna e questo è stato come un film, dove ciò che potrebbe accadere si realizza! E’ stata una gara molto difficile perché ho fatto una tale brutta partenza e poi ho fatto fatica nei primi giri. Dopo che ho cominciato a sentirmi più a mio agio ho cominciato a spingere come un diavolo. Una volta superato Valentino ho deciso di dare il tutto per tutto per provare a vincere: sapevo che non sarebbe stato facile ma ho pensato che dovevo provarci. Ho avuto una grande lotta con Dani e a un certo punto ho rischiato di cadere, così ho dovuto provarci di nuovo nell’ultimo giro. So che è meglio vincere delle gare con calma, stando davanti, ma ultimamente per noi ciò non è possibile e ho dovuto lottare a ogni giro. Giovedì ho visto il lago e ho pensato che sarebbe stato divertente saltarci dentro in caso di vittoria e credo che ai tifosi è piaciuto, ma io non avevo pensato a come sarei stato pesante con la tuta di pelle bagnata e per un momento ho pensato che non ce l’avrei fatta ad uscire! Questa è stata una giornata incredibile, non posso credere che ho realizzato questo mio sogno, davanti a tutti i tifosi spagnoli in questo luogo magico. “

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori