MotoGP/Jorge Lorenzo: grande vittoria e ora arriva Barcellona

Lorenzo festeggia con un pallone dei mondiali di calcio la tripletta raggiunta ad Assen, dove, ora, ha vinto in tutte le classi. Ma pensa già di regalare un’altra impresa al suo pubblico a Barcellona tra una settimana

26.06.2010 - La Redazione
Lorenzo-gara2-Assen_R375

Jorge Lorenzo si prende, ad Assen, la sua quarta vittoria della stagione. In più diventa il settimo pilota ad iscrivere il suo nome nella storia del motociclismo mondiale, avendo vinto in tre classi diverse, 125, 250 e MotoGP, su questo storico circuito. Lorenzo è stato l’uomo da battere per tutto il weekend: dominatore delle libere e in qualifica lo ha fatto anche in gara, ricacciando subito indietro Dani Pedrosa e Casey Stoner che avevano cercato, almeno, di rendere le cose difficili al maiorchino. La scelta di Lorenzo di montare un pneumatico più duro al posteriore a differenza dei rivali, alla fine, ha pagato. Ora il pilota della Yamaha ha fatto un altro bel passo avanti in classifica generale portando a 47 i punti di vantaggio su Pedrosa e a 51 quelli su Dovizioso. E tra una settimana si corre a Barcellona, in Spagna: Vittoria numero 5 in arrivo?

Jorge Lorenzo:

“Questa gara è stata un po’ più difficile di Silverstone perché Dani è stato così veloce con le gomme morbide all’inizio della gara e ho dovuto mantenere davvero la mia concentrazione per rimanere davanti a lui in quel punto. Ero sicuro che i miei pneumatici Bridgestone a mescola dura mi avrebbero aiutato più tardi e così è stato: abbiamo fatto la scelta giusta. Non è stato facile anche perché alla fine la moto scivolava parecchio, infatti ho fatto un errore alla chicane e sono quasi caduto! Sono veramente contento di aver vinto qui in tutte e tre le classi, perché è un circuito storico e il pallone da calcio che avevo in parco chiuso era per celebrare questa ‘tripletta’. Grazie a tutti i miei ragazzi del team Yamaha e anche alla Bridgestone per questa vittoria: abbiamo un grande vantaggio in campionato quindi possiamo permetterci di stare calmi e rilassati. Adesso andiamo a casa mia, a Barcellona e sono entusiasta di un’altra opportunità di gareggiare davanti al pubblico spagnolo. “

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori