MotoGP Sachsenring/Jorge Lorenzo: oggi la cosa più saggia è stata finire secondo

Jorge Lorenzo si inchina alla superiorità di Pedrosa, ma si porta a casa 20 punti d’oro in ottica mondiale

18.07.2010 - La Redazione
Lorenzo-gara-Sachsenring_R375

Il Gran Premio di Germania al Sachsenring ha visto Jorge Lorenzo terminare la gara secondo alle spalle del connazionale Pedrosa. Dopo una prima parte di gara, fino all’esposizione della bandiera rossa per l’incidente di cui è rimasto vittima De Puniet, in cui sembrava che Lorenzo potesse infilare l’ennesima vittoria stagionale, alla ripartenza le cose non sono andate per il verso giusto. Pedrosa ha passato Lorenzo alla prima curva, ed il leader del campionato è ritornato al comando prima della fine del primo giro. Nei giri successivi i due piloti spagnoli si sono esibiti in un superbo corpo a corpo, con Lorenzo che ha provato, fallendo, a scrollarsi di dosso Pedrosa. La coppia si è mantenuta all’interno di un fazzoletto per diversi giri. Poi l’affondo di Pedrosa a cui Lorenzo non ha saputo resistere. Così, dopo quattro vittorie di fila, Lorenzo ha ceduto la vittoria al connazionale, decidendo saggiamente di portare la sua M1 a casa al secondo posto e incamerando 20 punti. Il 23enne maiorchino, finora, ha sempre chiuso al primo o al secondo posto in ognuna delle otto gare disputate.

Jorge Lorenzo:

“E’ sempre difficile quando una gara è divisa in questo modo e credo di non essere andato altrettanto bene nella seconda parte della corsa come mi sentivo che avrei potuto fare nella prima. Dani è stato molto, molto forte ed io ero al limite cercando di rimanere in testa. Quando mi ha superato ho cercato brevemente di rimanere con lui, ma era molto più veloce di me oggi e avrei dovuto prendere un sacco di rischi per rimanere con lui; la cosa più saggia da fare è stata finire secondo e prendere 20 punti per il campionato. Sono felice perché questa pista non mi è mai piaciuta molto e ora vi ho fatto due secondi posti per due anni di fila. Ora andiamo a Laguna e sono molto entusiasta di correre lì di nuovo.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori