YOUTUBE MOTOGP/ Video – Laguna Seca, vince Lorenzo, Valentino Rossi è terzo, ma parte l’inno italiano

- La Redazione

Jorge Lorenzo ha vinto il Gp di Laguna Seca ma Valentino Rossi, arrivato terzo, si è goduto il posto ancor più che se fosse arrivato primo: gli organizzatori, infatti, si sono sbagliati e invece che l’inno spagnolo hanno fatto risuonare Fratelli d’Italia.

LORENZOPREMIAZIONEr375

Jorge Lorenzo ha vinto il Gp di Laguna Seca ma Valentino Rossi, arrivato terzo, si è goduto il posto ancor più che se fosse arrivato primo: gli organizzatori, infatti, si sono sbagliati e invece che l’inno spagnolo hanno fatto risuonare Fratelli d’Italia.

Jorge Lorenzo ha vinto il Gp di Laguna Seca ma Valentino Rossi, arrivato terzo, si è goduto il posto ancor più che se fosse arrivato primo: gli organizzatori, infatti, si sono sbagliati e invece che l’inno spagnolo hanno fatto risuonare Fratelli d’Italia.

E’ esausto ma felice, dolorante in ogni parte del corpo ma soddisfatto Valentino Rossi in seguito all’esito del Gp di Laguna Seca, la sua seconda gara dopo il rientro dall’infortunio. «Sono veramente felice, ma non riesco a fare più di tanto perché sono sfinito, mi fa male tutto. Abbiamo fatto il massimo, questa pista è più difficile della Germania, è una delle più difficili di tutte. A Brno cercheremo di arrivare più in forma», ha dichiarato Valentino, che è giunto terzo, dopo Casey Stoner, sulla Ducati, e il compagno di squadra, Jorge Lorenzo, che si è aggiudicato la vittoria. Vittoria ombrata da un imprevisto che ha reso il terzo posto per Valentino, ancora più soddisfacente: gli organizzatori, infatti, si sono sbagliati. E, invece, dell’inno nazionale spagnolo, hanno fatto partire Fratelli d’Italia. Lorenzo era visibilmente infastidito dall’errore, mentre Valentino se la rideva, palesemente, sotto i baffi.

Leggi anche: MotoGP Laguna Seca/Casey Stoner: in partenza tutto bene, poi ho avuto dei problemi

Leggi anche: MotoGP Laguna Seca/Valentino Rossi: un grande risultato dopo l’infortunio

GUARDA IL VIDEO

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori