VALENTINO ROSSI/ Rossi vuole tornare in pista in anticipo, tra due settimane invece che il 15 agosto

Valentino Rossi contro i medici: vuole tornare in pista con più di tre mesi di anticipo

05.07.2010 - La Redazione
Valentino20Rossi20convalescenza_R375

Valentino Rossi vuole tornare in pista. Il rientro per Rossi è previsto il 15 agosto al gran premio di Brno, ma Valentino vorrebbe essere già in pista fra due settimane in Germania. Dopo soli 43 giorni dall’incidente che gli è costato la frattura della tibia. I dottori, al momento del ricovero dopo lo schianto al Mugello, avevano parlato di quattro, cinque mesi di riposo. Per Valentino Rossi invece poco più di un mese dovrebbe essere sufficiente. Il campione ha fatto quanto doveva, fra convalescenza, tra piscina, palestra e camera iperbarica e ad alcuni amici ha confidato di voler tornare in pista prima del previsto 15 agosto. Aveva addirittura pensato alla corsa del 25 luglio, a Laguna Seca, poi ha optato per la corsa di Sachsenring.

William Favero, addetto stampa Yamaha, racconta: “Ho parlato lunedì con Valentino e mi ha ribadito Brno. Poi non ci ha più fatto sapere nulla. Se vuole tornare prima, deve deciderlo prima di venerdì. Dobbiamo organizzarci e abbiamo bisogno di un preciso benestare medico”. Favero è tranquillo: “Migliora di giorno in giorno, ma è pur sempre uno che comprensibilmente fatica a camminare dal divano alla cucina”. Anche il team manager di Rossi conferma. “L’idea di rientrare in Germania c’è ed è sua. Valentino non vede l’ora di tornare”. Molti altri invece lo sconsigliano. C’è il rischio di aggravare la situazione, c’è il problema alla spalla e poi Valentino ha già perso il mondiale.

– Livio Suppo, team manager Honda: “Non sono un medico, ma sembra un’idea assurda. Certo, anche Doohan ha corso in condizioni disastrate, dovevano issarlo sulla moto, ma lui si giocava il mondiale. Rossi, no. E’ un ragazzo intelligente: perché non si rilassa?”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori