MOTOGP/ Gp Spagna, prove libere: i commenti dei piloti

- La Redazione

Giornata di prove libere per il Gp di Spagna, nella classe MotoGp. Primo Pedrosa, quinto Rossi. Lo spagnolo si è detto soddisfatto per l’esito delle prove e ha chiarito di voler vincere.

Stoner_r400
Casey Stoner (foto Ansa)

Giornata di prove libere di Moto Gp a Jerez de la Frontera, in Spagna. Nella seconda sessione miglior tempo per Dani Pedrosa su Honda; staccato di soli due decimi il compagno di squadra Stoner. Terzo Jorge Lorenzo, quarto Simoncelli mentre alle sue spalle si è piazzato Valentino Rossi. Male invece Dovizioso, dodicesimo. Per il vincitore Pedrosa “è stata una giornata positiva e la moto si è rivelata subito a posto. Si muove solo un po’ troppo in frenata e in ingresso curva, ma credo che sia per le condizioni della pista e per il vento: insomma, siamo competitivi. Ho cercato di non sforzare il braccio più di tanto, ma la situazione è identica al Qatar: sarà dura resistere per tutto il GP. Al di là delle mie condizioni, il mio obiettivo rimane sempre la vittoria, anche se in questo momento sembra un risultato molto difficile da raggiungere”. Il suo ‘socio’ Stoner ha detto di trovarsi bene su questa pista, meglio che in passato, “perché la Honda è più equilibrata della Ducati e un po’ più facile, in particolare nelle prime tre curve del tracciato e in quelle lente. Purtroppo non abbiamo potuto lavorare al meglio sulla messa a punto, perché nelle libere del mattino era un po’ freddo, in quelle del pomeriggio c’era un vento fastidioso.

Come era già successo in Qatar, io e Pedrosa abbiamo un buon vantaggio, ma gli altri miglioreranno turno dopo turno e saremo molto più vicini”.

Dunque volano bassi i due piloti della Honda. Lorenzo invece non è soddisfatto: “E’ andata meglio che in Qatar, ma peggio di quanto mi aspettassi. Abbiamo problemi di trazione, non mi sento perfettamente a mio agio sulla M1: le sensazioni non sono molto buone, anche se il mio ritmo è costante. L’unico aspetto positivo è che i miei rivali nel pomeriggio sono stati molto più lenti rispetto al mattino, mentre io ho peggiorato di soli due decimi”. Simoncelli non vede lontani i primi posti: “Rispetto a Stoner e Pedrosa mi manca qualche decimo, ma sono contento perché sono riuscito a essere veloce in entrambi i turni”. Mentre per Dovizioso, nulla da eccepire, “è stata una giornata storta. Al mattino stavo andando abbastanza bene, ma poi alla curva 11, senza nessun preavviso, mi si è chiuso lo sterzo e sono caduto. La scivolata mi ha fatto perdere sicurezza e il vento del pomeriggio ha ulteriormente complicato la situazione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori