DIRETTA/ MotoGp, le qualifiche del Gran Premio di Spagna: segui e commenta live in tempo reale

- La Redazione

La motopg entra nel vivo della sua seconda prova del circus mondiale con le qualifiche del gran premio di Spagna sul circuito di Jerez de la Frontera.

rossi_ducati_R400
Valentino Rossi (foto Ansa)

La motopg entra nel vivo della sua seconda prova del circus mondiale con le qualifiche del gran premio di Spagna sul circuito di Jerez de la Frontera. Il risultato e i tempi delle prove libere FP3 hanno incoronato le Honda (tra cui anche quella di Marco Simoncelli) davanti a tutti, con Jorge Lorenzo primo degli inseguitori, ma la sua Yamaha è a ben 3 decimi abbondanti da Sic. Rossi e la sua Ducati sono sesti dietro a un’altra Ducati, la Pramac di Randy De Puniet. 

Analizzando l’andamento delle tre sessioni di prove libere, possiamo dire che tutti i piloti hanno centrato come da pronostico il proprio miglior tempo nella FP3. Il record della pole position da battere è quello di Jorge Lorenzo stabilito nel 2008, quando fermò le lancette del cronometro a 1:38:189. Oggi Dani Pedrosa, il pilota che ha più impressionato nell’ultima sessione di prove di questa gara di motogp, ha dato l’impressione di poter avvicinarsi a questo record, pur restandone per ora staccato di circa sette decimi. Rossi rispetto alla FP2 si è migliorato di oltre un secondo ed è sceso sotto il muro dell’1:40, di poco meno di un secondo si è migliorato Lorenzo, di quasi un secondo e mezzo si è migliorato Simoncelli, mentre di un secondo e un decimo Stoner e di un secondo e tre decimi Pedrosa. Tra i top quindi Pedrosa e Simoncelli sono quelli che si sono migliorati di più.Dando uno sguardo ai confronti tra il giro migliore dei piloti e quello “ideale”, cioè quello ottenuto sommando artificiosamente tutti i migliori intertempi delle prove, vediamo che le prime sei posizioni rispecchiano i reali “valori” espressi di piloti e dalle monoposto, mentre se Ben Spies (nono dopo le libere) avesse azzeccato il giro ideale sarebbe arrivato a guadagnare ben due posizioni piazzandosi dietro (abbondantemente) a Rossi.Dovizioso invece non sarebbe comunque andato oltre la decima piazza.Stoner è il pilota che va più veloce in assoluto nel T1, e quello che risulta più regolare (sempre secondo) negli altri settori. Pedrosa e Simoncelli si spartiscono la palma di più veloce nei rimanenti settori con lo spagnolo migliore nel T2 e nel T4.Ma ora basta con le analisi, tra poco sapremo chi partirà in pole position nel prossimo gran premio di motogp di Spagna…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori